Imola. Con la premiazione della giovanissima pianista Miryam Clemente, allieva alla scuola di comunale di musica Vassura Baroncini del maestro Pietro Beltrani, vincitrice del primo premio assoluto al 14esimo concorso nazionale di Piove di Sacco, ha preso il via la rassegna “Vassura Baroncini in Musica”. A premiarla sono stati il sindaco Marco Panieri e l’assessore alla Cultura Giacomo Gambi insieme a Fabrizio Bugani, coordinatore didattico della scuola di musica. Pari riconoscimento è andato anche al giovanissimo pianista Elia Righini, che ha vinto il primo premio al 14esimo concorso nazionale di Piove di Sacco e che purtroppo non è potuto essere presente. A ritirare il riconoscimento in sua vece, è stato il maestro Francesco Frudua, suo docente di pianoforte. L’appuntamento, dal titolo “Piano pianissimo”, era dedicato ai giovani musicisti ed ha visto l’esibizione anche di altri talenti in erba.

La rassegna “Vassura Baroncini in Musica”, ciclo di concerti di fine anno didattico degli allievi della scuola comunale di musica proseguirà fino al 21 giugno, nel cortile interno della scuola di musica, nel pieno rispetto di tutti i protocolli di sicurezza.

“I concerti rappresentano un modo per rivedersi in presenza e dare spazio ai talenti degli allievi, che grazie al lavoro dei docenti viene valorizzato” commenta l’assessore Giacomo Gambi, che aggiunge “abbiamo un corpo docente veramente coeso e fortemente motivato”.

I prossimi appuntamenti sono in programma, con inizio alle 20, sabato 29 maggio, con “Voce alla musica”, con gli allievi delle classi di canto pop e chitarra; lunedì 31 maggio ecco “Corde e tasti”, con gli allievi delle classi di canto lirico, arpa e flauto; lunedì 7 giugno toccherà a “Non solo classica”, con gli allievi delle classi di musica d’insieme; sabato 12 giugno alla “Band in musica”; lunedì 14 giugno sarà la volta di “Suoniamo insieme”, con la Vassura Baroncini Open Band in concerto; infine lunedì 21 giugno, “Piano fortissimo”, con gli allievi delle classi di pianoforte.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti, che sono in totale 150, in base ai protocolli Covid-19. Occorrerà indossare la mascherina. Inoltre, per evitare assembramenti e per controllare meglio il flusso delle persone l’ingresso/uscita per le varie iniziative avverrà solo dalla parte del Parco delle Verziere (su Viale Caterina Sforza).