Imola. “Urgenze”, arriva un festival che vuole occupare tutta l’estate imolese, da giugno a metà ottobre, lasciando margini per spostare, eventualmente alcuni eventi a settembre qualora a giugno la situazione sanitaria non permettesse di realizzare tutti gli eventi in programma.

L’iniziativa abbraccia il centro storico di Imola e dintorni con una programmazione artistica, culturale e sociale. L’idea, promossa dal Circolo Arci Estro, nasce da una grande rete dalle categorie più colpite dalla pandemia per far fronte ad una forte necessità di ripartenza.

Si parte il 4 giugno per arrivare fino al 15 ottobre. “E’ necessario, tutti insieme, artisti, terzo settore, bambini e giovani, fasce più fragili, bar e i ristoranti, attività commerciali, restituire il centro storico, le aree verdi e collinari limitrofe a Imola, alla cittadinanza con eventi diffusi per tutta l’estate – si legge nel comunicato di lancio dell’inizitiva -. L’ obiettivo é far vivere la città in sicurezza restituendo un luogo che appartenga alla comunità e sostenendo chi in questo periodo ha più patito per le chiusure. Oltre ad una programmazione di spettacoli di musica, teatro, danza ci saranno momenti di incontro su temi sociali, performance e una biblioteca diffusa che porta il culturale nei negozi, podcast. In modo collaterale ci saranno laboratori e attività artistiche e sociali dedicate ai minori, alle fasce fragili di popolazione e alla cittadinanza sia in centro storico sia in zone collinari. Il filo rosso che lega tutto è l’urgenza di rivivere il territorio di prossimità che ora, con le limitazioni, sembra così lontano”.

Sfoglia il programma di giugno >>>>

Il festival “Urgenze” fa parte di Bologna Estate 2021, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione turistica. Il programma è consultabile anche sul sito bolognaestate.it.
Il calendario degli eventi verrà aggiornato mese per mese anche in base a quanto verrà raccolto dal Crowdfunding attivato dal Circolo Arci Estro, da Bottega d’arte sociale e dalla Compagnia Exit attivo sulla piattaforma Produzioni dal basso.

Fai la tua donazione per fare crescere il festival >>>>

Gli altri partner di questo grande contenitore estivo sono Arci Bologna, il Comitato bar e ristoranti di Imola, i commercianti del centro storico e altre associazioni del territorio che proporranno man mano iniziative durante l’estate.

“Urgenze” vuole essere un grande contenitore innovativo e inclusivo che vede la partecipazione attiva di molte realtà associative che si relazionano con le attività commerciali creando una rete molto grande che ha richiesto tempo e pazienza per essere costruita, ma che sempre più si è consolidata in questo ultimo anno. Un luogo dove le differenze di compenetrano e si sostengono a vicenda.

“I fattori identitari, la coesione sociale, la comunità di intenti e di valori costituiscono il fondamento essenziale di una comunità resiliente, di una città che cura, come diceva Basaglia. Il nostro obiettivo è proprio quello di mettere in relazione molti soggetti in un’ottica continua di scambio culturale, artistico, educativo, formativo. Uno scambio di esperienze, di storie da raccontare. Vorremmo poter sviluppare un’ottica partecipativa con al centro la persona nella sua totalità e in tutti i suoi aspetti, biologico, sociale, psicologico. Una comunità ecologica che si riconosce come parte di una comunità più ampia, solidale, dove si possa cambiare e crescere insieme”.

Gli spazi coinvolti saranno prevalentemente in centro storico e in alcuni luoghi nelle colline del circondario, popolate da antichi borghi che verranno restituiti ai cittadini attraverso attività artistiche. I

Prenotazione obbligatoria per ogni evento. Per informazioni: 324.8032073 – urgenzefestivalimola@gmail.comhttps://estroimola.com/urgenze