Nelle ultime 24 ore in Italia i morti sono 31, i casi 835, indice di positività allo 0,4% (ieri 0,6%). Due decessi in Emilia Romagna: uno nella provincia di Parma (una donna di 77 anni) e uno nella provincia di Rimini (un uomo di 72 anni). 44 nuovi casi, con un indice allo 0,3% (ieri 1%). Nell’Ausl di Imola nessun decesso e nessun positivo.

FAQ sulle misure adottate zona per zona (aggiornate in tempo reale) >>>> 

Le linee guida per le attività economiche e sociali >>>>

Alla scoperta del certificato verde >>>>

Aggiornamento Italia ore 12 del 22 giugno (dati del 21 giugno)

Oggi il saldo tra ingressi e uscite nelle terapie intensive segna – 23, i nuovi ingressi sono 10 (ieri 9), per un totale di 362. I decessi sono 31 (ieri 21) e 835 positivi (ieri 495) con 192.882 tamponi (ieri 81.752). I morti da inizio pandemia sono 127.322, i casi complessivi 4.254.294. I casi attivi sono 72.964 (nelle 24 ore – 3.889).

I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari Covid sono 2.289 (- 101). Gli isolamenti domiciliari sono 70.313 (ieri 74.078). I guariti nelle 24 ore: 4.692 per un totale di 4.054.008.

Due decessi in Emilia Romagna. I positivi sono 44 (ieri 81), con 15.889 tamponi (ieri 8.261). 384 i guariti, sotto quota 5 mila i casi attivi totali: 4.903 (- 342 rispetto a ieri), i ricoverati nelle terapie intensive sono 34 (- 3), i ricoverati negli altri reparti Covid sono: 210 (- 12).

I positivi in Italia

Nessuna regione con 0 casi: Molise e Valle d’Aosta 1 solo caso. La Sicilia è ancora quella con più casi: 133.

La situazione di ieri >>>>

La situazione in Italia in tempo reale >>>>

Le vaccinazioni in Italia >>>>

La situazione nell’Ausl di Imola

Vaccinazioni e prenotazioni

98.909 sono le vaccinazioni totali da inizio campagna: 92.448 nei centri vaccinali (ieri 896), 4.312 eseguite dai medici di medicina generale (ieri 47), 2.179 all’hub Medical Centre Autodromo SACMI-CEFLA (concluse le prime dosi, l’hub tornerà attivo a metà luglio per le seconde dosi e la conclusione del ciclo vaccinale).

Situazione epidemiologica odierna

Per il secondo giorno consecutivo non si registrano positivi (106 test molecolari e 260 antigenici). Nessun decesso. Invariati i casi attivi (78) e i casi totali da inizio pandemia (12.646). Un solo cittadino del circondario in terapia intensiva a Bologna,

Le nuove regole per l’accesso negli ospedali

La situazione contagi da coronavirus migliora e da oggi, seguendo le indicazioni regionali, saranno in vigore nuove regole per l’accesso nelle aree di degenza dell’Ospedale di Imola e dell’OsCo di Castel San Pietro sempre con l’obiettivo di continuare a garantire la massima sicurezza sia degli utenti che degli operatori. La regola più importante rimane l’utilizzo in maniera corretta, soprattutto all’interno dei reparti, dei dispositivi di protezione individuale che sono in vigore in questo periodo: igiene delle mani, mascherine e distanziamento (anche in possesso del Green Pass).

All’ingresso dell’ospedale e della Casa della Salute di CSPT continua l’attività di check-point di 1° livello, con rilevazione della temperatura corporea, igiene delle mani e controllo della mascherina. L’accesso è consentito a 1 visitatore per paziente. La deroga è prevista in caso di pazienti che presentino condizioni di non autosufficienza fisica, psichica o cognitiva con necessità della presenza di un familiare di supporto. Non è consentito l’accesso ai bambini con età inferiore ai 12 anni e per il reparto di Ostetricia, non è previsto l’accesso a fratellini o sorelline del nuovo nato.

Al momento del primo accesso in reparto, il visitatore compila e consegna l’Autodichiarazione e si impegna a comunicare eventuali variazioni negli accessi successivi. Il modulo è scaricabile dal sito aziendale (copie saranno distribuite anche all’entrata delle strutture).

Nei reparti pediatrici un genitore (o chi per lui) ha la possibilità di rimanere vicino al minore. Non possono accedere gli accompagnatori dei pazienti nei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS) e negli ambulatori. Uniche eccezioni: le donne in stato di gravidanza con il proprio partner, accompagnatori di minori, accompagnatori di persone con disabilità fisica, psichica o cognitiva che richiedono il supporto di un caregiver.

La situazione in regione

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 386.389 casi di positività, 44 in più rispetto a ieri, su un totale di 15.889 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 0,3%.

Vai al report settimanale >>>>

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa anche agli under40, con la possibilità di prenotarsi che resterà sempre aperta a partire dalla data di sblocco delle finestre,per consentire a tutti coloro che lo vorranno di ricevere il vaccino.

Le vaccinazioni in Emilia Romagna >>>>

Tutte le informazioni sulla campagna vaccinale>>>>

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 3.520.257 dosi; sul totale, 1.273.005 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 15 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 24 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 30 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 33,2 anni.

Sui 15 asintomatici, 9 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 4 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, nessuno con gli screening sierologici, 2 tramite i test pre-ricovero. Per nessun caso è ancora in corso l’indagine epidemiologica

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con nuovi 14 casi e Modena con 7 casi, seguono Ravenna (6) e Cesena (5); poi Piacenza (3), Parma, Reggio Emilia, Ferrara e Forlì (tutte con 2 casi). Quindi Rimini (1), e infine il Circondario Imolese, dove non si sono registrati nuovi casi.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 8.701 tamponi molecolari, per un totale di 4.941.689. A questi si aggiungono anche 7.188 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 384in più rispetto a ieri e raggiungono quota 368.236.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 4.903 (-342 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.659 (-327), il 95% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano 2 nuovi decessi: uno nellaprovincia di Parma (una donna di 77 anni) e uno nella provincia di Rimini (un uomo di 72 anni).

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 13.250.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 34 (-3 rispetto a ieri), 210 quelli negli altri reparti Covid (-12).

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 1 a Piacenza (+1), 5 a Parma (numero invariato rispetto a ieri), 2 a Reggio Emilia (-1), 6 a Modena (-1), 13 a Bologna (-1), 1 a Imola (invariato), 2 a Ferrara (invariato), nessuno a Ravenna e Forlì (come ieri), 2 a Cesena (invariato) e 2 a Rimini (-1).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 23.618 a Piacenza (+3 rispetto a ieri, di cui 1 sintomatico), 28.523 a Parma (+2, non sintomatici), 46.897 a Reggio Emilia (+2, entrambi sintomatici), 65.648 a Modena (+7, di cui 4 sintomatici), 82.335 a Bologna (+14, di cui 11 sintomatici), 12.646 casi a Imola (nessun nuovo caso, come ieri), 23.180 a Ferrara (+2, di cui 1 sintomatico), 30.523 a Ravenna (+6, tutti sintomatici), 17.085 a Forlì (+2, di cui 1 sintomatico), 19.683 a Cesena (+5, di cui 2 sintomatici) e 36.251 a Rimini (+1, di cui 1 sintomatico).

Rispetto a quanto comunicato nei giorni scorsi, è stato eliminato 1 caso, positivo a test antigenico ma non confermato dal tampone molecolare.