Faenza. Dopo la scomparsa dell’imolese due volte campione del mondo di motociclismo Fausto Gresini a causa del Covid, il suo team con sede a Faenza e la sua famiglia continuano a distinguersi per azioni importanti di solidarietà. Dalla sede del Gresini Racing Team, la famiglia del pilota, i sindaci di Imola Marco Panieri, di Faenza Massimo Isola e il presidente della Regione Stefano Bonaccini si sono collegati in videoconferenza con il personale dell’ospedale Maggiore dove si trovava pure l’assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini.

Infatti l’Azienda Usl di Bologna, grazie alla Gresini Racing, ha ricevuto la donazione di tre nuovi manichini simulatori che arricchiscono il patrimonio tecnologico del Centro di Formazione del Dipartimento di Emergenza. Tali manichini hanno specifici accessori tecnologicamente avanzati che consentono di ricreare in sicurezza molteplici scenari clinici e quindi addestrare il personale medico-infermieristico come se si trovasse su un paziente critico reale. Le prime donazioni sono arrivate dai famigliari che hanno fatto partire una raccolta fondi pubblica che ha raggiunto la notevole cifra di 50mila euro. “Era un desiderio del babbo – ricorda il figlio Luca Gresini, 20 anni – quando era ricoverato ci aveva chiamati per dirci di fare una donazione perché c’era bisogno in un periodo così difficile”.

“Vorrei ringraziare di cuore tutto il personale sanitario dell’Unità Operativa di Terapia Intensiva dell’Ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna ed in particolare il primario dottor Nicola Cilloni per la sua grande professionalità, umanità, continua presenza e costante supporto morale che ha dato a mio marito Fausto e a noi famigliari durante tutto il lungo periodo di ricovero nella struttura per complicanze da Covid – ricorda Nadia Padovani Gresini -. Purtroppo, il decorso della malattia non è andato come tutti speravamo. Fausto durante il ricovero aveva espresso l’intenzione di fare una donazione al reparto per supportare il personale sanitario… Io e i miei figli abbiamo ritenuto importante portare avanti il suo volere e ci siamo subiti attivati per creare un conto corrente dove far pervenire le donazioni a favore dell’ospedale ed in memoria del nostro amato Fausto, che tanto ha dato a tutti noi e al mondo del Motorsport. Quindi vorrei ringraziare tutte le persone che hanno contribuito a rendere possibile la realizzazione di una sala di formazione in simulazione all’interno dell’Ospedale Maggiore perché con le loro donazioni abbiamo potuto acquistare dei manichini computerizzati e dei corsi per formare ed addestrare costantemente il personale sanitario a manovre in emergenza-urgenza su paziente. La sala simulazione è stata intitolata a Fausto Gresini: tutti noi ne siamo molto orgogliosi ed onorati, come penso tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questo spazio altamente specializzato. Questo ringraziamento non è solo mio, ma di tutti i miei figli Lorenzo, Luca, Alice e Agnese”.

“Intanto, una fiammante MotoGp del Gresini Racing Team è stata esposta alla Motor Valley Fest in svolgimento a Modena – informa l’assessore all’Autodromo Elena Penazzi -. A settembre, durante la rievocazione delle mitiche 200 Miglia all’autodromo di Imola, dedicheremo qualcosa di importante al campione imolese, che purtroppo è scomparso lasciando un vuoto profondo, in accordo con la sua famiglia”.

(m.m.)