Imola. L’assessore all’Autodromo ed al Turismo, con delega alle Politiche comunitarie – Gemellaggi, Elena Penazzi, è entrata a far parte dei 22 componenti del nuovo Consiglio direttivo della Rete SERN Sweden-Emilia Romagna Network. La nomina è avvenuta nel corso della XVI Assemblea Generale della Rete SERN svoltasi telematicamente nei giorni scorsi. Dei 22 componenti, undici sono italiani ed undici svedesi.

L’assessore al Turismo Elena Penazzi

Insieme all’assessore Elena Penazzi, sono stati nominati per il nostro Paese: Davide Agresti (Comune di Faenza), Edmund Lanziner (Comunità Comprensoriale Oltradige Bassa Atesina), Ferdinando De Maria (Provincia di Parma), Norberto Vignali (Unione Pedemontana Parmense), Silvia Miselli (Comune di Casalgrande), Martina Zecchetti (Comune di Cavriago), Marco Monesi (AICCRE Emilia Romagna), Bianca Maria Manzi (Comune di Cervia), Milena Garavini (Comune di Forlimpopoli) e Lubiano Montaguti (Comune di Meldola).

“Siamo molto contenti di entrare a far parte del direttivo del Sern. Insieme agli altri Comuni elaboreremo strategie che sono nelle nostre corde e fanno già parte delle politiche sulle quali lavoriamo per il futuro della nostra città, in particolare comunità inclusive e sostenibilità, declinata sui temi del turismo e della mobilità. Sottolineo anche il focus sulle competenze digitali, indispensabili nei prossimi anni e tema portante della Regione: il Sern potrà essere in questo caso volano per progetti innovativi a livello comunitario”, commenta l’assessore Elena Penazzi.

SERN: un esempio unico di cooperazione tra l’Europa del nord e quella del sud – SERN è il risultato di un lungo processo di collaborazione e scambio tra attori italiani e svedesi. L’obiettivo è quello di aumentare la collaborazione tra i soci della rete, tra l’Italia e la Svezia e più in generale tra il Nord e il Sud dell’Unione Europea per favorire la partecipazione attiva dei cittadini al processo di integrazione europea attraverso processi di collaborazione.

L’idea di rafforzare i rapporti tra le due aree è stata lanciata dalla sezione regionale dell’Associazione italiana per il consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (AICCRE) e da un gruppo di Comuni italiani poi concretizzata con la conferenza di gemellaggio tra Svezia ed Emilia Romagna. I membri del Sern sono principalmente enti pubblici e organizzazioni private senza scopo di lucro, che interagiscono e collaborano, condividendo interessi in molti settori e la volontà di lavorare per una società inclusiva e per modelli innovativi di crescita.

Come risultato dell’impegno e del lavoro di tante persone, SERN condivide una storia di successo e rappresenta un esempio unico di cooperazione tra l’Europa del nord e quella del sud, seguendo valori a lungo termine quali: cooperazione, senso comune di appartenenza all’UE, democrazia e pari opportunità, responsabilità, fiducia. Le aree di attività della rete comprendono istruzione, occupazione, ambiente, sviluppo locale, inclusione sociale, capacity building. SERN contribuisce alla costruzione di un’Europa dei cittadini e a rendere l’Unione Europea uno spazio di pace, sviluppo sostenibile, democrazia e partecipazione, solidarietà e inclusione sociale, aumentando la qualità della vita e le opportunità per i cittadini nei comuni e nelle regioni appartenenti alla rete. Attualmente 58 i membri del Sern.