Rimini. I giovani imprenditori di Confartigianato Emilia-Romagna hanno un nuovo presidente. S i tratta del riminese Lorenzo Bernardi che va a sostituire il modenese Damiano Pietri, attuale presidente nazionale dei giovani imprenditori di Confartigianato.

Lorenzo Bernardi, neo presidente dei giovani imprenditori di Confartigianato Emilia Romagna

“Sono orgoglioso di questa nomina – ha affermato a caldo Lorenzo Bernardi, che nella vita si occupa di arredamenti su misura e affianca anche la famiglia nell’attività di pesca -. Ho sempre pensato che ogni traguardo sia possibile, se raggiunto insieme ad altri e l’ambito associativo esalta questo valore. Mi piacerebbe che si guardasse ai giovani imprenditori con occhi diversi, valutandoli per il loro dinamismo e capacità, piuttosto che soffermarsi in considerazioni su esperienza e giovane età”.

“Confartigianato Giovani Imprenditori Emilia-Romagna potrà contare su un giovane straordinario, un ragazzo speciale, molto positivo che nella vita quotidiana affronta due impegni lavorativi diversi con capacità e grande senso di responsabilità – ha sottolineato Davide Servadei, presidente regionale di Confartigianato -. Nello stesso tempo, complessivamente, possiamo contare su un Gruppo Giovani molto coeso e desideroso di iniziare a lavorare, consapevole del momento difficile che tutto il Paese sta vivendo. Un gruppo intraprendente in grado di esprimere proposte positive per tutta l’associazione. E tra di loro si intravedono già quelle figure che saranno in grado di garantire il ricambio generazionale a qualsiasi livello”.

“Lorenzo è un ragazzo di straordinaria vitalità – aggiunge Davide Cupioli, presidente di Confartigianato Imprese Rimini – e la sua determinazione come imprenditore sarà un esempio virtuoso per tanti giovani che si avvicinano al sistema delle piccole e medie imprese. Abbiamo circa 150 giovani imprenditori associati ed ognuno di loro è una luce di speranza per un futuro di sviluppo. Lorenzo Bernardi sarà una guida autorevole anche per il gruppo regionale”.

“Confartigianato esprime da sempre la cultura del fare, che di questi tempi si coniuga perfettamente con quella dell’innovazione, il tratto distintivo di questa epoca tesa alla ripartenza – ha concluso Amilcare Renzi, segretario Confartigianato Emilia Romagna -. Rimini ha espresso un presidente che saprà sintetizzare tutta l’energia che una nuova classe di imprenditori sta generando a vantaggio delle comunità regionali. È questo che l’Europa e tutto il Paese chiedono, perché l’uscita da questa drammatica crisi economica e sociale ha bisogno di tutte le risorse disponibili e di un patto generazionale che veda fianco a fianco le nuove e le vecchie generazioni di imprenditori”.