Massa Lombarda (RA). Si chiama “The House of Dust” ed è la prima ed unica opera d’arte temporanea, vivibile e sostenibile interamente stampata in 3D a base di materiali naturali creata con tecnologia Crane Wasp. In collaborazione con il Museum Wiesbaden, la scultura vivibile dell’artista Alison Knowles, pioniera del movimento Fluxus, sinonimo di transizione graduale tra arte e vita, è stata realizzata per la prima volta al mondo utilizzando la stampa 3D. Wasp, azienda italiana di Massa Lombarda, leader nel settore della stampa 3D, ha completato la fase di stampa della scultura .

Nel 1967, Alison Knowles, con l’opera “The House of Dust” attivò una riflessione sul rapporto uomo-macchina utilizzando un computer Siemens 4004 che scrisse una poesia in linguaggio Fortran. Un primo esempio di poesia generata al computer, che creava strofe lavorando attraverso iterazioni di versi con parole che cambiavano da un elenco di vocaboli finito. La collaborazione di Knowles con il computer mise in luce l’arbitrarietà sottostante al linguaggio, dimostrando come le parole acquisissero significati diversi attraverso relazioni strutturali e contesti mutevoli.

“The House of Dust”, l’opera d’arte in 3D

Nel 1968, la poesia generata al computer fu tradotta in una struttura fisica a Chelsea, New York per poi trovare successivamente nuova vita a Cal Arts Burbank, in California.

Oggi, nel 2021, l’artista sceglie la stampante 3D Crane Wasp per riattivare la propria poesia e costruire layer su layer in materiale naturale una nuova struttura fisica. L’artista ha scelto Wasp perché rappresenta la sintesi dell’avanzamento tecnologico nel dialogo fra uomo e tecnologia e fra uomo e nuove forme di vivere.
Ispirandosi alla vespa vasaia, dal 2012, Wasp (World’s advanced saving project) sviluppa processi di costruzione basati sui principi dell’economia circolare e della fabbricazione digitale. Sul mercato dal 2021, realizza abitazioni stampate in 3D in modo sostenibile con il primo sistema multi-stampante Crane Wasp attraverso una ricerca continua sui materiali naturali stampabili.

In occasione del 75° anniversario dello Stato dell’Assia, prende vita la mostra “tinyBE • living in a sculpture” sulla Kranzplatz, Kochbrunnenplatz di Wiesbaden. L’opera d’arte “House of Dust” stampata da Wasp può essere sintetizzata in: 50 ore di stampa, 500 codici macchina (G-code), 165 strati di 15 mm, 15 km di estrusione, 8 metri cubi di materiali naturali. La superficie complessiva della scultura è di 16 mq per un’altezza totale di 2.5 m.

La trasformazione dei modi di vivere e di lavorare in un mondo influenzato dalla globalizzazione, dalla digitalizzazione e dai cambiamenti climatici è uno dei temi centrali del nostro tempo. “Sviluppare processi per dare una casa come diritto di nascita ad ogni uomo è una responsabilità delle società più avanzate. I materiali più umili, gli scarti della filiera agro-alimentare e la terra cruda depositati da una macchina nel punto e nella quantità proporzionate a trasformare la materia informe in casa è il processo che Wasp sta sviluppando. Living in a sculpture è la cristallizzazione del processo”, afferma Massimo Moretti, fondatore di Wasp.

L’opera di Alison Knowles è una delle dieci sculture temporaneamente vivibili di artisti internazionali nella regione metropolitana di Francoforte / Reno-Meno, che possono essere viste a Francoforte, Darmstadt e Wiesbaden fino al 26 settembre.

Le sculture ci fanno pensare cosa è indispensabile e cosa è sostenibile? Dormire una notte all’interno della scultura “The House of Dust” apre la mente a nuove forme del vivere. I pernottamenti possono essere prenotati anche tramite il sito tinybe.org

La realizzazione del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione di:
Alison Knowles: Artista
tinyBE: Curatori mostra e piattaforma d’arte
Zaeske Architekten: Studio di Architettura
Karrie Bau Gruppe: Supporto cantiere
Ricehouse: Fornitore di materiale

Per ulteriori informazioni: T +39 0545.87858 – info@3dwasp.comwww.3dwasp.com