La storia infinita del completamento della Trasversale di Pianura (via Olmo) ha del grottesco, con responsabilità ben precise che chiamano in causa amministratori locali, metropolitani e regionali.

Trasversale di pianura (Foto Città metropolitana di Bologna)

Premesso che per risolvere gli inconvenienti attraverso il completamento della Trasversale di Pianura occorrono comunque anni, i citati livelli istituzionali si sono nascosti per anni dietro fantomatici progetti che non abbiamo mai visto e Anas chissà quanto tempo ancora farà passare prima che tutto questo venga alla luce, occorre che questi amministratori comincino a dare risposte sul perchè hanno passato ad Anas l’incompleta Trasversale di Pianura e il tratto di San Vitale, Bologna – Via Nuova (incrocio uscita Trasversale), con scarso passaggio di mezzi pesanti, anzichè il tratto uscita Trasversale – Ravenna… : forse per addossare ad Anas un’altra futura storia infinita per adeguare la San Vitale, da Medicina a Bologna, allargamento necessario per l’ennesimo progetto assurdo qual è il metro-bus elettrico?…

Detto ciò, i continui rimpalli di responsabilità tra amministratori ed organi di controllo sul mancato rispetto del codice della strada (limite delle 7t.) da parte degli autotrasportatori sulla via Olmo, sono veramente ingiustificabili, dal momento che le alternative per il ravennate dall’Interporto (A13) e da Campogalliano (A22) ci sono, e si chiamano A14, ma bisogna pagare altro pedaggio autostradale!

Pertanto, cari residenti del “Comitato di via Olmo“, se al ripristino delle ferrovie, preferite il trasporto su strada, con nuove strade o adeguamento di quelle esistenti, il prezzo da pagare non cambierà, inquinamento e danni agli immobili: questo dovete dire ai nostri cari amministratori quando parlano di transizione ecologica o sviluppo sostenibile.

E’ tempo che ognuno si assuma le proprie responsabilità, tutto il resto è fumo negli occhi, soprattutto per i poveri cittadini, ignari delle conseguenze che stanno dietro a certe scelte politico-economiche.

 

Legambiente ImolaMedicina