Imola. Il 30 agosto primo giorno di apertura dei servizi 0/6 anni per l’anno educativo 2021/2022, il sindaco Marco Panieri ed il vicesindaco Fabrizio Castellari hanno fatto visita a tre servizi, fra asili nido e scuola dell’infanzia, accompagnati dal responsabile del Servizio Infanzia del Comune, Daniele Chitti e dalla collega Barbara Molinazzi. Nello specifico, si è trattato del Nido comunale ‘Primavera’, nel quartiere Zolino, della Scuola dell’Infanzia ‘Gasparetto’, sempre a Zolino e del nido privato convenzionato Oasi Santa Teresa, ai Cappuccini.

La visita del sindaco Panieri e del vicesindaco Castellari all’asilo nido “Primavera”

“Abbiamo portato il saluto dell’Amministrazione comunale e del Servizio scolastico all’infanzia del Comune ad alcune tra tutte le scuole che hanno ripreso l’attività questa mattina, incontrando le educatrici e gli educatori, il personale ausiliario, quanti si occupano di questi servizi comunali e convenzionati ed ovviamente i bambini e le bambine presenti. Un modo per essere simbolicamente al fianco di tutti coloro che oggi, in tutte le scuole comunali e convenzionate, hanno ripreso il cammino di questo anno educativo – raccontano il sindaco Marco Panieri e il vicesindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari -. E’ un anno importante e particolare, che segna la ripresa dopo molti mesi segnati dall’emergenza e si percepisce anche nelle educatrici e nel personale, oltre che nei bambini e bambine tutto l’entusiasmo e la volontà di riprendere il cammino nella pienezza delle attività”.

Ricordiamo che da oggi, per quanto riguarda i nidi d’infanzia, ci sono in totale 632 posti disponibili per le famiglie (57 in più rispetto all’anno scorso), di cui 342 comunali (pari a circa il 54/% del totale dei posti) e 290 convenzionati (pari a circa il 46% del totale dei posti), confermando la prevalenza, in termini numerici, dell’offerta comunale. Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, relativa al segmento 3/6 anni, al via da oggi ci sono circa 550 posti a disposizione nelle 22 sezioni comunali e circa 450 nelle 20 sezioni paritarie. Le 27 sezioni statali, invece, riprenderanno l’attività educativa il 13 settembre prossimo, come da disposizioni ministeriali e da calendario regionale.

“Abbiamo la consapevolezza che i nidi d’infanzia e le scuole dell’infanzia siano un punto di riferimento fondamentale per la città e la nostra visita vuole significare anche che continueremo con determinazione su questa strada ed anzi è nostra intenzione rafforzare nel tempo sempre di più il segmento 0/6 anni, così determinante per il supporto alle famiglie, come testimoniato proprio dal loro apprezzamento verso la qualità e l’affidabilità che i servizi in tanti anni hanno raggiunto” aggiungono Panieri e Castellari.

L’anno educativo che ha preso il via il 30 agosto è del tutto speciale, per i servizi comunali, perché saluteranno il 50esimo anniversario della prima sezione comunale di scuola dell’infanzia ad Imola ed i 45 anni dall’apertura della prima sezione di nido d’infanzia in città. Inoltre, da oggi sono entrate in servizio le 20 nuove unità di personale comunale, 8 docenti di scuola dell’infanzia e 12 educatrici di nido. Per un servizio che continua a crescere e innovarsi.