“Imola come laboratorio di idee per la mobilità sostenibile”. È il titolo del seminario che si svolgerà il 14 settembre a palazzo Sersanti. Il seminario intende presentare le iniziative didattiche, di alta formazione e di ricerca che l’Università di Bologna sta portando avanti sui temi della mobilità sostenibile, delle tecnologie green e dei servizi innovativi per il trasporto presso la Sede di Palazzo Vespignani dal 2019.

Palazzo Vespignani sede dell’Università a Imola

Nella prima parte verrà presentato il nuovo curriculum in “Sustainable Urban Mobility” che, nell’ambito del corso di Laurea Magistrale in “Civil Engineering”, verrà interamente svolto, a partire dal 20 settembre, presso la sede didattica di Imola. Si tratta del primo corso di Laurea Magistrale Internazionale in Europa che prevede uno specifico curriculum sui temi della mobilità sostenibile, del green deal europeo per le infrastrutture di trasporto e sugli importanti temi dei trasporti per una città climaticamente neutra.

Nella seconda parte si darà voce agli studenti della I e della II edizione del Master Internazionale che hanno svolto il proprio progetto di studio e ricerca presso aziende del territorio imolese e su problemi attinenti all’area di Imola. A loro il compito di illustrare il lavoro svolto e le potenziali ricadute per il miglioramento della qualità della vita di tutti i cittadini.

Nella terza parte della mattinata verrà presentata la terza edizione del Master internazionale di II livello in “Sustainable and Integrated Mobility in Urban Regions” per la quale sono appena partite le iscrizioni e le cui lezioni, a partire da gennaio 2022, verranno in parte svolte presso l’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”.

A conclusione della giornata il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola Rodolfo Ortolani, insieme al direttore del Master  Andrea Simone provvederanno alla consegna ufficiale dei Diplomi a tutti gli studenti che hanno concluso con successo la prima edizione del Master Internazionale di II livello in “Sustainable and Integrated Mobility in Urban Regions”.

“Alla conclusione della prima edizione del Master Internazionale di II livello in ‘Sustainable and Integrated Mobility in Urban Regions’ vorrei ringraziare, insieme al Direttore del Dicam ed a tutto il gruppo di ricerca dell’Università di Bologna la Fondazione Cassa di Risparmio, il Comune di Imola e tutte le aziende del territorio imolese del prezioso supporto. Grazie all’impegno di tutti siamo arrivati alla definizione di una offerta formativa innovativa ed ampia nell’ambito degli importanti argomenti collegati alla mobilità sostenibile ed alla sua valutazione. Mi auguro che da questa prima fase si possa proseguire nell’ampliamento e nello sviluppo di questi ed altri importanti temi di interesse per l’Università, gli studenti ed il territorio” dichiara Andrea Simone, direttore del Master internazionale di II livello dal titolo “Sustainable and integrated mobility in urban regions” e Prof.Ordinario del Dicam.

“Ospitiamo sempre con piacere e con interesse – ha dichiarato Rodolfo Ortolani, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola – manifestazioni universitarie presso la nostra sede di Palazzo Sersanti, in particolare quando, come in questo caso, a parteciparvi e a prendere la parola sono anche gli studenti. La realizzazione di una nuova e importante proposta didattica di alto livello è già di per se una buona notizia, ma in questo caso lo è maggiormente nel momento in cui l’ambito di studio riguarda un tema fondamentale: la mobilità e la sostenibilità. Sostenibilità come strategia di sviluppo e l’innovazione come direttrice strategica: identificare come tema strategico quello della sostenibilità non è una delle tante opzioni ma è una scelta obbligata. Siamo certi che questo nuovo curriculum, che prenderà il via il 20 settembre presso la sede imolese, contribuirà a formare non solo bravi professionisti, ma anche cittadini responsabili”