Imola. Primo giorno di scuola il 13 settembre per oltre 11mila alunne/i e studenti e studentesse della scuola dell’infanzia statale, scuola primaria, secondaria di primo e di secondo grado.

Come da tradizione, a portare loro il saluto e l’augurio di un buon anno scolastico sono stati il sindaco Marco Panieri e il vicesindaco ed assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari.

“Desideriamo rivolgere un saluto ed un augurio sincero da parte di tutta l’Amministrazione Comunale, anzitutto agli alunni e alle loro famiglie, ai docenti e agli educatori, ai dirigenti, al personale amministrativo e ausiliario, a tutti coloro che compongono quel mosaico meraviglioso che è la comunità scolastica imolese e territoriale, affinché sia davvero un buon anno scolastico e formativo per tutti, in grado di coronare positivamente le aspettative di ognuno”, hanno detto Panieri e Castellari.

La visita del sindaco e vicesindaco, accompagnati da Rossana Neri, Dirigente Istituto Comprensivo 7, è cominciata alle ore 8.40, con il saluto agli alunni di alcune classi della primaria ‘Bianca Bizzi’, già nelle aule, seguita dal saluto agli alunni di alcune classi prime durante il momento di accoglienza all’esterno della scuola, per proseguire con gli alunni di alcune classi della secondaria di primo grado ‘Orsini’. Per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado, il sindaco e il vice sindaco hanno incontrato gli studenti e le studentesse delle prime classi del ‘Paolini’, in questo caso accompagnati da Stefania Galeotti, Dirigente Istituto Superiore Paolini – Cassiano.

In particolare, il sindaco con gli alunni e le alunne della scuola primaria si è soffermato sul significato degli emblemi riportati sulla fascia tricolore che indossava durante la visita. “Qui sono riportati i valori fondanti la nostra Repubblica e quelli della nostra Città, che vanno conosciuti e rispettati per fare sì che ogni territorio possa diventare una Comunità che sa accogliere, coesa e solidale, che mette al centro la persona” ha detto il sindaco Panieri.

Il sindaco Panieri e il vice Castellari in visita alla scuola di primo grado delle Orsini

Oggi c’è la voglia e l’entusiasmo di guardare avanti, dopo due anni di Covid – “La comunità scolastica imolese ha saputo affrontare e superare questi due anni profondamente segnati dal Covid ed oggi c’è la voglia e l’entusiasmo di guardare avanti, con la didattica che finalmente ritorna in presenza e un anno davanti a noi che tutti auspichiamo possa svolgersi senza interruzioni. Questa è la novità più importante dell’anno scolastico alle porte e l’augurio che tutti ci scambiamo” hanno aggiunto Panieri e Castellari, ringraziando l’intera comunità scolastica che “nell’emergenza della pandemia ha saputo riscoprire quel patto virtuoso tra la scuola, gli alunni e le famiglie che, nella fatica delle pause forzate e della didattica a distanza, è stato un grande valore aggiunto”.

A sottolineare la grande attenzione dell’Amministrazione comunale riguardo alla scuola “il luogo formativo per eccellenza”, come lo hanno definito il sindaco e il vicesindaco, vi è anche il vasto programma di interventi finalizzati al risanamento, alla sicurezza ed alla rigenerazione energetica degli edifici scolastici di proprietà comunale, per i quali il Comune ha messo a bilancio per il 2021 oltre 3,9 milioni di euro e complessivamente circa 14 milioni di euro di investimenti nel triennio 2021/2023. “Il nostro obiettivo è prestare grande attenzione sia alla formazione ed ai servizi educativi sia agli edifici che li accolgono”, hanno concluso Panieri e Castellari.

Per rivolgere il benvenuto e l’augurio di buon anno scolastico a studenti, famiglie, dirigenti, docenti e personale a nome del sindaco Fausto Tinti e di tutta l’amministrazione comunale, l’assessora alla Scuola Giulia Naldi si è recata questa mattina lunedì 13 settembre nelle scuole del territorio del Comune di Castel San Pietro Terme, che hanno ripreso le attività nel pieno rispetto delle norme anti Covid 19.

“E’ una grande soddisfazione poter ricominciare in presenza – dichiara l’assessora Giulia Naldi -. I periodi di lockdown hanno dimostrato a tutti quanto sia importante la scuola, non solo per la didattica, ma anche in termini di integrazione sociale, insegnamenti di vita, legami di amicizia e di progetti innovativi che si possono realizzare. I computer e la rete sono fondamentali in caso di emergenza, ma non possono sostituire il valore dei rapporti fra le persone. Auguriamo quindi a tutti di poter godere appieno di questo anno scolastico, sperando che sia sempre in presenza, e che possano riprendere anche le importanti attività organizzate nelle scuole in collaborazione con Comune e associazioni del territorio. Ringraziamo tutti coloro che si sono impegnati per questo ritorno in classe in sicurezza, in particolare dirigenti, docenti e personale Ata, e anche i genitori che hanno sostenuto i loro figli supportandoli nelle attività a distanza, e i ragazzi stessi per la pazienza e il senso di responsabilità che hanno dimostrato”.

L’assessore Giulia Naldi all’entrata delle scuole Pizzigotti a Castel San Pietro

“Nell’augurare un buon rientro sui banchi alle studentesse e agli studenti e un buon lavoro a tutto il personale scolastico – aggiunge il sindaco Fausto Tinti – rinnovo agli over 12 e alle loro famiglie il mio invito a vaccinarsi. Per chi ancora non avesse prenotato la prima dose, ricordo che domenica 19 settembre nell’androne del Municipio, mattina e pomeriggio, si terrà la seconda giornata di vaccinazioni ad accesso libero. Come ci ha ricordato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, vaccinarsi è un dovere morale perché la salute è un bene pubblico, che tutti sono chiamati a difendere. In più, soprattutto per le ragazze e i ragazzi più grandi, la copertura vaccinale può significare non solo una frequenza più serena delle lezioni ma anche di tutte le attività sportive e di relazione extrascolastica. Infine, una deroga importante sottolineata anche dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi: nelle classi in cui tutti sono immunizzati con doppia dose o in possesso di un certificato di avvenuta guarigione in corso di validità sarà possibile abbassare la mascherina. Pensateci!”