Imola. “Per il contributo artistico conferito all’Accademia Pianistica e alla Città di Imola”. Con questa motivazione, nella sala del Gonfalone, in municipio, il sindaco Marco Panieri ha voluto premiare Jin Ju, pianista cinese, già allieva ed ora docente di pianoforte della Fondazione Accademia Internazionale di Imola Incontri con il Maestro, che nei mesi scorsi ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Da sinistra Stefano Fiuzzi, Angela Gidaro, Jin Ju, Marco Panieri e Franco Scala

Alla cerimonia erano presenti anche il maestro Franco Scala, fondatore e direttore dell’Accademia Pianistica, Angela Maria Gidaro Sovrintendente della Fondazione Accademia Internazionale di Imola Incontri col Maestro e il maestro Stefano Fiuzzi, coordinatore culturale della Fondazione suddetta.

“L’onorificenza dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana è un riconoscimento prestigioso che fa onore a te, alla Fondazione Accademia Incontri col Maestro ed alla città intera”, ha detto il sindaco Marco Panieri nel consegnare la pergamena dell’Amministrazione comunale e la riproduzione in ceramica dello stemma della città.

“Ringrazio l’Accademia e Imola, che mi hanno consentito di raggiungere questi risultati. A questo punto sono certa che insieme riusciremo ad andare ancora più lontano”, ha aggiunto da parte sua Jin Ju.

Classe 1976, Jin Ju, dopo essersi diplomata brillantemente in Accademia ad Imola è stata inserita nell’organico dei docenti dove insegna in via esclusiva da quindici anni. Con Jin Ju l’Accademia ha costruito dal 2012, nel corso delle nove edizioni dell’Imola Summer Academy and Festival, un rapporto strutturato con la Cina per attività di ‘talent scouting’ musicale di eccellenza oltre a prestigiose iniziative culturali. Jin Ju si è esibita per l’Accademia di Imola in occasione di importanti eventi, tra i quali il concerto in Vaticano per Papa Benedetto XVI nel 2009, e il Concerto alla Cappella Paolina del Quirinale il 13 febbraio 2020 per le iniziative ‘Anno della cultura e del turismo Italia-Cina 2020’.