Imola. “Stralciare significa solo rimandare, assumetevi le vostre responsabilità! La cosa giusta da fare e’ semplice: che l’area verde resti verde!. Il comitato Lennon-Curie (informale gruppo di cittadini composto da quasi 1000 persone), per nulla rassicurato dallo stralcio della strada che non chiarisce cosa accadrà nell’area, chiede a gran voce che non venga approvato il cambio di destinazione d’uso che renderebbe “strada” quella che oggi è “area sportiva”.

Un incontro in municipio fra la giunta e il comitato Lennon-Curie

“Con lo stralcio si annullano solo le osservazioni tecniche che abbiamo presentato formalmente in Comune ed inviato a tutti gli enti preposti al rilascio delle autorizzazioni edilizie – spiegano dal Comitato secondo cui -. si sta solo rimandando una scelta già presa il 29 aprile 2021 quando, oltre ad essere approvato in consiglio comunale il cambio di destinazione d’uso, è avvenuto in contemporanea (casualità?) l’atto di compra-vendita dei terreni confinanti all’area sui quali sorgerà parte della strada, tra il proprietario privato e l’impresa costruttrice che si occuperà dei lavori anche per conto del Comune”.

“Questo scempio deve essere fermato – concludono i cittadini del Lennon-Curie – per il bene dei bambini che giocano sui quei prati e per la tutela del verde e del paesaggio che verrebbero deturpati da colate di cemento in barba al vincolo della legge Galasso che vieta di costruire a meno di 150 metri dagli argini, nel nostro caso, del Rio Palazzi. La salute, la sicurezza e l’ambiente, per noi, valgono di più di qualche interesse economico-politico”.

Intanto, è stato convocato per mercoledì 22 settembre alle 18, nel campo sportivo in Pedagna Ovest si terrà un incontro fra i cittadini, la giunta e i consiglieri comunali. Si prega, vista la pandemia da Coronavirus, di indossare la mascherina e mantenere le distanze di sicurezza.