Imola. Tornano da venerdì 1°ottobre al 30 aprile 2022 le misure per la qualità dell’aria previste dal PAIR 2020 – Piano Aria Integrato Regionale per la lotta allo smog.

Misure strutturali

Dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, non potranno circolare i veicoli benzina fino a euro 2, diesel fino a euro 3 compreso e cicli e motocicli fino a euro 1, veicoli benzina-metano e benzina-gpl fino a euro 1. Disco verde, invece, per la circolazione dei veicoli a benzina euro 3 o superiore, diesel euro 4 o superiore, ciclomotori e motocicli euro 2 o superiore, veicoli metano-benzina e GPL-benzina euro 2 o superiore, dei mezzi elettrici, ibridi e quelli che viaggiano con almeno 3 persone a bordo, se omologati per 4 o più posti, e con almeno 2 persone, se omologati per 2 o 3 posti a sedere (car pooling). E via libera anche ai trasporti specifici o per usi speciali e ai mezzi in deroga, tra cui quelli di lavoratori turnisti, per chi si sposta per motivi di cura, assistenza o emergenza, per chi accompagna bambini a scuola o per i meno abbienti (potrà circolare un singolo guidatore con Isee annuo fino a 14mila euro).

Le limitazioni riguardano i Comuni dell’agglomerato di Bologna (Argelato, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano dell’Emilia, San Lazzaro di Savena e Zola Predosa) oltre a Bologna e Imola. Le limitazioni strutturali alla circolazione dei veicoli diesel euro 4 ed emergenziali per i veicoli diesel euro 5 saranno applicate solo al termine dello stato di emergenza sanitaria.

Domeniche ecologiche

Nelle domeniche ecologiche, quattro al mese stabilite dalle singole ordinanze comunali, si aggiunge alle limitazioni strutturali previste dal lunedì al venerdì il divieto di circolazione per i veicoli diesel fino a euro 4 compreso.

 Misure emergenziali

Nel caso in cui si preveda il superamento dei limiti di PM10 per 3 giorni consecutivi (quello di controllo e i due giorni successivi), scattano (su base provinciale) una serie di misure aggiuntive dal giorno seguente a quello di controllo fino al giorno di controllo successivo compreso.
La verifica sui superamenti giornalieri del PM10 è effettuata tre volte a settimana: lunedì mercoledì e venerdì. Il Bollettino è reso disponibile entro le 11 su www.liberiamolaria.it.

Le limitazioni aggiuntive in caso di allerta smog alle misure strutturali prevedono:

  • stop anche ai veicoli diesel fino a euro 4
  • divieto di sosta e fermata con il motore acceso per tutti i veicoli
  • divieto di combustione all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio, ecc…)
  • stop agli impianti a biomassa per uso domestico fino a 3 stelle (comprese) in presenza di impianto alternativo
  • obbligo di abbassamento del riscaldamento fino a di 19° C nelle case e 17° C nei luoghi di attività produttive e artigianali
  • divieto di spandimento liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili

Ricordiamo che per informare i cittadini quando scattano le misure emergenziali e le domeniche ecologiche, la Città metropolitana ha attivato  il servizio gratuito di alert sms (o mail)  .

È inoltre disponibile l’app “Che Aria è”, sviluppata dalla Fondazione Innovazione Urbana, attraverso cui i cittadini possono avere un’informazione semplice e costante sullo stato della qualità dell’aria, ricevere suggerimenti e consigli sui comportamenti corretti che riducano l’impatto dell’inquinamento atmosferico e i rischi per la salute.

Faenza

L’area del centro di Faenza in cui si applica il divieto di circolazione, è individuata nella planimetria che accompagna l’ordinanza, ed è delimitata dal perimetro costituito dalle strade: via Tolosano, IV Novembre, delle Ceramiche, via Mura Mittarelli, Renaccio (da corso Saffi a via Lapi), via Lapi, piazza Fratti, viale Stradone, piazza della Rocca e via San Giuliano, zone in cui sono stati individuati i parcheggi dove poter lasciare i mezzi, raggiungibili senza rischio di commettere infrazioni. Queste le aree dedicate alla sosta: piazza Ricci alle spalle delle Poste di via Naviglio, parcheggio dell’Ospedale quello di Faenza Uno in via Renaccio.

Sono “esonerate” dall’ esclusione alcune categorie di mezzi, primi tra tutti quelli delle forze di polizia e di emergenza. Per quanto riguarda le specifiche dei mezzi che dovranno attenersi alle limitazioni alla circolazione, si rimanda alla consultazione del documento pubblicato alla pagina internet del Comune di Faenza nella sezione ‘In evidenza’ cliccando poi su ‘Piano aria 2021-2022, Provvedimenti antismog, limitazioni alla circolazione, misure emergenziali, uso di biomasse per il riscaldamento domestico dal 1° ottobre 2021 al 30 aprile 2022’.

Per quanto riguarda i controlli alla circolazione, nei primi periodi di adozione delle limitazioni, il personale preposto a far rispettare l’ordinanza, il corpo della polizia locale dell’Unione, sarà maggiormente impegnato a informare e far conoscere i contenuti del documento.

Oltre alle limitazioni dei mezzi, tra il 1° ottobre e il 30 aprile entrano poi in vigore limitazioni sull’uso delle biomasse per il riscaldamento domestico. Anche per questa categoria, nel sono indicati tutti i casi specifici nel documento scaricabile al seguente link: http://www.comune.faenza.ra.it/In-evidenza/PIANO-ARIA-2021-2022. Per chi non disponesse di internet, può richiedere all’Urp una copia cartacea.