Il tavolo circondariale della legalità, coordinato dalla sindaca delegata Beatrice Poli, presenta A Ruota Libera 2.0 e consolida il suo impegno nell’ambito della promozione della legalità. A Ruota Libera 2.0 è il festival del circondario imolese, diffuso ed itinerante nei 10 Comuni, per sensibilizzare gli adolescenti e la cittadinanza ad una cultura della legalità e di cittadinanza attiva. Il festival è nato lo scorso anno per liberare la cultura della legalità dopo mesi di chiusura forzata tornando a ri-conoscersi, socializzare, collaborare, intrecciare esperienze attive sul territorio.

Quest’anno si è voluto massimizzare l’esperienza dello scorso anno e potenziarla proponendo A Ruota Libera 2.0 come progetto dell’Accordo di Programma promosso dalla Regione Emilia-Romagna, in attuazione dell’art.7 della L.R. 18/2016, finalizzato a promuovere e diffondere la cultura della legalità e dalla cittadinanza responsabile tra i giovani. Un’altra importante novità di questa edizione è che gli eventi sul territorio, organizzati da Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, sono tutti concentrati il week-end del 16-17 Ottobre per dedicare due giorni ricchi di eventi sul tema e dare la possibilità alla comunità di partecipare a più eventi coprendo con le attività diverse fasce orarie.

Sabato 16 è dedicato a conoscere Massimo Manzoli, curatore di “Emilia-Romagna, Cose Nostre” dossier sulle mafie in Emilia-Romagna ed Elia Minari, giurista, scrittore, esperto di mafie e corruzione che presentano “Guardare la mafia negli occhi: Dall’(A)Emilia alla Romagna” in cui dialogheranno con la cittadinanza sulla presenza delle mafie nella nostra regione.

Ad aprire il festival nella giornata di sabato 16 sarà il Comune di Imola che ospiterà “Guardare la mafia negli occhi: Dall’(A)Emilia alla Romagna” dalle 15 alle 17 a Ca’Vaina (Via Saffi 50/b). L’evento poi si sposterà a Castel San Pietro Terme dalle 17 alle 19 presso il cortile interno della Biblioteca Comunale (Via Marconi, 27) con musica live. Dalle 19 alle 21 Elia Minari sarà a Mordano presso il Centro giovanile Flood (Via Roma 22) dove sarà offerto un aperitivo e l’evento si arricchirà con l’esibizione “Il sentiero della giusta scelta” Assaggi di giustizia a cura di Alfonso Cuccurullo e Cooperativa il Mosaico.

Da sinistra l’assessore alla legalità del Comune di Imola Giacomo Gambi, la sindaca di Casalfiumanese delegata circondariale alla legalità Beatrice Poli, il vicesindaco e assessora alla Legalità del Comune di Castel Guelfo di Bologna Anna Venturini e l’assessora alla legalità del Comune di Castel San Pietro Terme Giulia Naldi

Domenica 17 aprirà il festival il Comune di Castel Guelfo che invita tutti ad una colazione slot-free presso Bar Pasticceria San Carlo (Poggio Piccolo) durante la quale Radio Immaginaria intervisterà Libera Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, presidio di Imola.  Dalle 15 alle 17 il festival si sposta in Vallata per la Biciclettata della Legalità sulla ciclovia del Santerno in collaborazione con Giocathlon. Alle 15 partenza da Casalfiumanese (Piazza del Comune), Fontanelice (Piazza del Comune), Castel del Rio e arrivo alla Casa del Fiume a Borgo Tossignano con merenda, testimonianze di Libera Imola, narrazioni & laboratorio creativo “Un grande giorno di niente. Osservare la natura e…scoprirsi esploratori!” a cura di Selma Libreria. Dalle 18 alle 20 il Comune di Dozza propone un AperiTalk presso Ristorante Soul Kitchen (Toscanella,Parco Ruggi) tra chiacchiere, cibo e musica con Libera Imola  e la scuola di Musica Cantinarmonica di Toscanella. Il festival si concluderà domenica 17 con lo spettacolo “Mafia Liquida – Tra cinema, fumetto e lavagna luminosa” a cura di Cinemovel Foundation alle 21  presso la Sala del Suffragio a Medicina.

“La promozione della legalità rientra nelle attività di prevenzione del nostro piano locale sulla legalità ed è strettamente connessa alle politiche giovanili e al contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico. Infatti entro la fine dell’anno abbiamo in programma un grande evento di chiusura di A Ruota Libera 2.0 e delle iniziative dei Comuni per il contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico ad espressione di un impegno concreto e duraturo del Nuovo Circondario Imolese sul tema della legalità come dimostrano anche le recenti Associazioni ad Avviso Pubblico e Fondazione Vittime dei Reati. Voglio infine ringraziare il Tavolo circondariale Legalità per la forte sensibilità che esprime sul tema e per i grandi risultati che stiamo ottenendo lavorando in maniera coesa e molto puntuale.” è il commento della sindaca Poli, delegata alla legalità.