Imola. Sabato 23 ottobre, alle 15.30 andrà in scena, nell’ex Convento dell’Osservanza, in via Venturini, il “Teatro Vagante”. L’idea del Teatro Vagante nasce nel 2020 nell’ambito del progetto “Rapporti di buon vicinato” con l’intenzione di portare il teatro a chi, anche per ragioni dovute alle restrizione delle modalità di fruizione dello spettacolo dal vivo durante la pandemia da Covid 19, difficilmente avrebbe potuto incontrarlo, specie in spazi specificatamente dedicati, determinando la possibilità di poter assistere a rappresentazioni teatrali anche da finestre e balconi, nei giardini, nei cortili.

Il successo dell’edizione del 2020 ha spinto anche nel 2021 i partner del progetto “Rapporti di buon vicinato – Presente prossimo” (Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e Politiche Sociali. artt. 72 e 73 del D.Lgs. n. 117/2017 – anno 2020, di cui al bando RER D.G.R. n. 1826 /2020), con capofila Croce Rossa – Comitato di Imola, e in particolare Anteas Imola e ExtraVagantis Teatro – APS, a dar vita ad una nuova proposta.

Dopo il debutto a Tossignano, in collaborazione con Solco Prossimo e Comune, Ass. Pro Loco, Centro di Ascolto Caritas di Borgo Tossignano, in una rappresentazione strettamente riservata agli anziani ospiti della Casa Residenza Anziani “Santa Maria”, con commosso e divertito riscontro di pubblico, si propone ora, in collaborazione con il comitato RestauroOsservanza, una rappresentazione rivolta a persone di tutte le età.

Si tratta di una proposta scanzonata e ironica, costruita su aneddoti, piccole storie, tradizioni, curiosità linguistiche del territorio di Romagna, che vede in scena cinque attrici (ExtraVagantis Teatro) e il gruppo “La Carampana” con Roberto Bucci (violino), Marina Valli (violino, chitarra), Giuseppe Gallegati (violoncello), Anna Malservisi (organetto, chitarra),  che ricerca e ripropone principalmente musiche e balli saltati tradizionali ed anche brani di liscio antico, diffusi in Romagna e nell’Appennino Bolognese fino a circa metà del ‘900.

La progettazione della proposta di spettacolo è stata messa a punto durante un piccolo percorso laboratoriale, coordinato da Marina Mazzolani. Lo spettacolo sarà ad offerta libera e quanto donato verrà utilizzato per il completamento del restauro dell’ex convento.

È gradita la prenotazione: cell.: 3920989076 – Email: [email protected] Evento organizzato secondo le disposizioni di legge antiCovid.