Imola. Si è conclusa la tre giorni del Duathlon all’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” con più di mille presenze nelle tre giornate che hanno portato spettacolo e mostrato a livello nazionale quanto l’autodromo e l’organizzazione Imola Triathlon possano ambire a competizioni di alto livello.
Sabato 30 è stato il turno della gara assoluta, su distanza sprint. Le prime a partire sono state le donne, con 104 atlete al via, dopo i primi km di corsa si è subito formato un duo composto da Giorgia Bandini (Cesena Triathlon) e la giovane Martina Garbarino (A.S.
Virtus) che hanno terminato i primi 5km di corsa in 19’56”. Nei 20km di ciclismo, le due protagoniste hanno deciso di collaborare per evitare il recupero del gruppo delle inseguitrici, che continua a perdere terreno. Nell’ultima transizione, è Martina Garbarino che esce velocissima dalla zona cambio e prova ad allungare sulla Bandini, che però dopo il primo dei 2,5 km di corsa finali, riesce a recuperarla e a staccarla, arrivando da sola al traguardo in 1h07’29” con 36” di vantaggio. Terza classificata Alessia Rondoni (CUS Parma) che regola il gruppo delle inseguitrici in 1h09’ 09”. Tra le atlete imolesi, ottima prova per Federica Cicognani, al suo esordio sulla distanza si è classificata 10° assoluta e 2° posto di categoria S3 in 1h12’24” con una prima frazione di corsa molto competitiva. Bravissime anche Laura Pintori (3a di categoria S2), in1h22’11”, Francesca Venieri (1h27’35) e Ilaria Tubertini (1h29’41).


Alle 14 è stato il turno della gara maschile che ha visto ben 485 atleti al via. Nei primi 5 km di corsa il ritmo è subito elevato e si forma dopo poco un gruppetto di sette atleti, che arrivano compatti in zona cambio in 16’20”. I più veloci nella transizione sono stati Marco Rinaldi (CUS Parma), Marco Corti (Zerotrente Triathlon), Daniele Angelini (CUS Ferrara) e Nicolò Fontanta (Valdigne Triathlon) che trovano subito l’accordo e provano ad isolare il temutissimo Massimo Cigana (Maniro Triathlon), rimasto attardato qualche secondo. Cigana rientra in tempo per affrontare la prima salita della Tosa con il gruppo, e proprio sulla prima asperità Marco Corti prova ad allungare, portandosi dietro Cigana e Rinaldi, che fanno il vuoto e concludono insieme i 20 km di bici.
Negli ultimi 2,5km di corsa, il primo a cedere il passo è Cigana, poco dopo il 1°km, mentre Corti e Rinaldi restano affiancati fino al rettilineo d’arrivo, dove una grande volata di Marco Rinaldi gli consente di tagliare il traguardo al primo posto in 54’07, secondo Marco Corti
(54’08”) e terzo Massimo Cigana 54’20”.
Tra gli atleti imolesi, il più veloce è stato Andrea Zamboni, 32° assoluto in 1h01’10, ottimirisultati anche per Ferdinando Dipaola (1h05’24), Simone Casolini (1h08’19), Marco Pini (1h09’31), Fiorenzo Rinaldi (1h14’06) e Andrea Cocchi (1h15’22).