Imola. Dal 4 al 12 dicembre torna alla Salannunziata la rassegna “Senza distinzione alcuna” organizzata dal Comune Assessorato Pari Opportunità e Politiche di genere, con il patrocinio e il contributo della Regione Emilia Romagna nell’ambito del Bando per la Pace 2021, con il patrocinio di Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, Città metropolitana di Bologna e Ausl di Imola e la collaborazione di CEAS – Centro di Educazione Alla Sostenibilità imolese e Casa Piani, Sezione Ragazzi della Biblioteca comunale.

Senza distinzione alcuna si ispira alle tematiche della Dichiarazione universale dei Diritti umani che il prossimo 10 dicembre compie 73 anni e segue gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda ONU 2030, un programma di azioni a traguardi per le persone e il pianeta che comprendono la lotta alla povertà, l’eliminazione della fame, la parità di genere e il contrasto al cambiamento climatico per citarne solo alcuni.

“I 17 goals dell’Agenda 2030 perseguono una visione integrata dello sviluppo sostenibile che per essere tale deve essere al contempo sociale, ambientale ed economica e costruire una società che rispetti i diritti umani. Il rispetto parte dal riconoscere il valore nelle diversità e per farlo bisogna conoscere. Abbiamo scelto di metterci in ascolto di storie straordinarie che sono la vera anima di questa rassegna”, afferma l’assessora Elisa Spada.

Il programma prevede numerosi appuntamenti.

Il giornalista e scrittore
Gad Lerner

A partire da martedì 30 novembre fino al 12 dicembre in piazza Caduti per la Libertà è prevista una videoproiezione curata da App&Down Production dedicata alla Dichiarazione universale dei Diritti umani: trenta articoli che parlano di dignità, tolleranza, rispetto e umanità oltre le razze, il sesso, i colori, la religione, i confini, le ideologie politiche.

Sabato 4 dicembre alle ore 18 è prevista la presentazione della rassegna e l’inaugurazione della mostra “Il mondo che verrà – L’agenda 2030”: 20 pannelli per presentare 17 goal e 169 target. Saranno presenti: Elisa Spada, assessora alle Pari Opportunità e Politiche di genere Comune di Imola, Elly Schlein, vicepresidente della Regione Emilia Romagna e Francesca Vecchioni, giornalista, scrittrice, attivista per i diritti civili e presidente di Diversity, organizzazione no-profit impegnata a promuovere l’inclusione sociale e il benessere organizzativo attraverso attività di ricerca, formazione, monitoraggio, consulenza e advocacy. Francesca Vecchioni è anche la produttrice dei Diversity Media Award’s che premiano personaggi, film, serie tv, giornali che si sono distinti nella rappresentazione delle diversità di genere, identità, etnia, disabilità ed età. A seguire aperitivo.

Lunedì 6 dicembre alle ore 21 Razzismo ieri, Razzismo oggi, incontro con Gad Lerner condotto da Stefano Salomoni, vicedirettore Il Nuovo Diario Messaggero. Nato a Beirut da una famiglia ebraica che subì gli orrori commessi dai tedeschi nella città ucraina di Boryslaw, Gad Lerner è uno dei giornalisti più apprezzati della televisione italiana e un grande conoscitore delle vicende partigiane che ha raccontato nel libro “Noi partigiani. Memoriale della Resistenza italiana”. Il razzismo che ha portato alla fuga degli ebrei dall’Italia fascista e il razzismo di oggi nei confronti di chi tenta di fuggire da guerre e povertà.

Seguiranno altri appuntamenti.