Faenza. A partire dalla data simbolica del 25 novembre, “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza verso le donne”, l’associazione faentina Sos Donna si è fatta promotrice di una raccolta fondi online volta all’allestimento di una nuova casa rifugio.

In particolare, a gennaio 2021 l’Unione della Romagna faentina ha concesso all’associazione la gestione di tre ulteriori appartamenti destinati all’ospitalità di donne e minori che vivono situazioni ad alto rischio per la propria incolumità. Una di queste è Casa Nicoletta, dedicata a Nicoletta Massari (socia e operatrice volontaria di Sos Donna), venuta a mancare pochi mesi fa.

Si tratta di un appartamento di ampia metratura composto da cucina abitabile con salottino, due camere da letto (matrimoniale e singola) e bagno, che potrà ospitare fino a due nuclei monogenitoriali. “Per far sì che la casa rifugio possa diventare operativa avremo bisogno di acquistare tutto il mobilio e gli elettrodomestici necessari all’allestimento delle stanze, per rendere l’abitazione calorosa e confortevole allo scopo di accogliere al meglio le donne e i/le loro figli/e, già pesantemente provate dalle violenze subite e dalla necessità di allontanarsi dalla propria abitazione, dai propri affetti e dalla propria quotidianità”.

Da qui l’avvio di una raccolta fondi per un ulteriore servizio da offrire alle donne vittime di violenze. Supportate da un team di operatrici, volontarie, psicologhe e avvocate, le donne ospiti in casa rifugio avranno la possibilità di elaborare la violenza subita ed essere sostenute quotidianamente in un percorso di riconquista della fiducia in sé stesse e della propria autonomia. Dal 1994 ad oggi sono oltre 3.000 le donne accolte da Sos Donna e più di 115 donne e 150 minori hanno trovato ospitalità nelle nostre case rifugio.

Alcune realtà del territorio con cui l’associazione collabora da diversi anni hanno già sostenuto il progetto di Casa Nicoletta, e grazie alle loro donazioni è stato possibile acquistare il mobilio necessario per l’arredamento delle due camere da letto. Ma il proposito è quello di ultimare l’allestimento della casa- rifugio, al fine renderla operativa a partire dall’inizio del 2022.

La raccolta fondi, lanciata sulla piattaforma ideaginger.it, ha un obiettivo iniziale di 5.000 euro che serviranno ad acquistare una cucina su misura con piccoli e grandi elettrodomestici, a coprire i costi per gli allacci idraulici ed elettrici e ad acquistare alcuni mobili per il bagno.

Per ragioni di sicurezza non sarà possibile realizzare un evento di inaugurazione all’interno di Casa Nicoletta, ma l’associazione si farà promotrice di un’iniziativa pubblica dedicata a chi supporterà la raccolta fondi, per celebrare insieme Nicoletta Massari e la nascita di un nuovo luogo per le donne. L’iniziativa si svolgerà nella primavera del 2022 e sarà l’occasione per ringraziare di persona i/le donatori/trici e consegnare loro le ricompense.

Le persone interessate a sostenere il progetto possono farlo entro il 14 gennaio 2022, effettuando una donazione su ideaginger.it al progetto “Una casa rifugio per ricominciare: allestiamo Casa Nicoletta!” – o contattando direttamente l’Associazione Sos Donna (0546.22060 – info@sosdonna.com).

(Annalaura Matatia)