Faenza. E’ stata riaperta al pubblico sabato 11 dicembre la Pinacoteca comunale, dopo un attento e scrupoloso restauro, sia negli allestimenti quanto nel percorso espositivo, che l’ha resa nuova e originale non solo dal punto di vista estetico ma anche per quanto riguarda i tesori artistico- culturali che ha da offrire.

La pandemia ancora in corso ha costituito infatti una grande occasione di rinnovamento. Sfruttando la situazione e le opportunità che dalla stessa potevano scaturire, durante i mesi di chiusura dovuti soprattutto all’emergenza sanitaria, negli spazi di via S. Maria dell’Angelo ha preso vita un prestigioso intervento di riallestimento ed una innovata ridefinizione di molti degli spazi espositivi del museo, già noti al pubblico. Un progetto impostato su una grande attenzione al visitatore, caratterizzato dal rispetto dei canoni espositivi che oggi vengono maggiormente apprezzati anche nei più rinomati contesti metropolitani. Un’ iniziativa culturale a 360 gradi, che offre nuove opportunità per una visita decisamente rinnovata, il tutto nel segno di una grande attenzione alla valorizzazione delle opere, con lo scopo ulteriore di metterne in luce tutta l’intrinseca preziosità, trasformando una semplice visita in una vera e propria esperienza visiva e dando un impulso tangibile al turismo artistico- culturale nella città di Faenza.

A partire dal 12 dicembre la Pinacoteca sarà aperta al pubblico ogni giorno, dal martedì alla domenica, per un totale di 24 ore settimanali. Dalla data della riapertura e fino al 6 gennaio 2022 la visita sarà gratuita per i residenti nel Comune di Faenza: la gratuità è un modo di dire grazie alla città, di essere riconoscenti ai faentini per la pazienza con cui hanno saputo aspettare questo momento, per la magnifica resistenza culturale che questa città riesce ad esprimere.

(Annalaura Matatia)