Imola. “Abbiamo ereditato, in un 2021 in salita a causa della pandemia che non è finita con la proroga dello stato di emergenza fino al 31 marzo del 2022, una struttura che era già in buone condizioni e l’abbiamo portata a risultati ottimi sia dal punto di vista sportivo sia dal punto di vista economico con l’obiettivo di presentare un bilancio in pareggio o con un piccolo utile”. Il presidente, da circa un anno, di Formula Imola Gian Carlo Minardi spiega che “è stato fatto un grande lavoro sia di ottimizzazione dei costi sia per quello che riguarda gli eventi sportivi svoltisi. Tutto questo è stato ottenuto grazie al prezioso supporto del CdA che presiedo, col prezioso aiuto giornaliero di Augusto Machirelli, e dal contributo delle istituzioni politiche e sportive che ha permesso di raggiungere obiettivi prestigiosi. Il 2022 si preannuncia ancora più spettacolare con la Formula 1 stabile nel calendario e l’arrivo dei principali campionati automobilistici, Wec escluso su cui comunque stiamo lavorando per il futuro. Gli altri due aspetti che ci tengo a sottolineare sono quelli della polifunzionalità e dello sviluppo eco-green della struttura. Quest’anno abbiamo ricevuto il riconoscimento di una Stella, assegnata per la conformità al progetto FIA Sustainability Programme, e stiamo lavorando per la terza, obbligatoria per ospitare le gare FIA a partire dalla fine dal 2022. E di recente, l’ottenimento della certificazione ISO 20121, in quanto autodromo che adotta un sistema integrato per la gestione sostenibile degli eventi”.

Da sinistra Pietro Benvenuti, Gian Carlo Minardi, Marco Panieri ed Elena Penazzi

“Vorrei mettere in luce tutto il lavoro che è stato fatto per rendere sempre più inclusiva, sostenibile e polifunzionale la nostra struttura – ha detto il direttore di Formula Imola Pietro Benvenuti -. Un lavoro capillare e impegnativo, reso più facile dall’impegno di tutto lo staff di Formula Imola e dalla preziosa collaborazione data dall’Amministrazione Comunale, in particolare nelle persone delle assessore Elena Penazzi ed Elisa Spada. Oggi il nostro autodromo è diventato un punto di riferimento e di questo siamo orgogliosi e pronti ad impegnarci sempre di più. Abbiamo portato in questa stagione tantissimi eventi non motoristici (anche perché abbiamo il limite delle 37 giornate che vogliamo rispettare, ndr), dai concerti jazz all’evento sulla robotica, alle presentazioni di prodotto al mondo delle auto elettriche fino al Baccanale; abbiamo ospitato la festa dell’Alma Mater di Bologna, e grazie alla presenza della professoressa  Valeria Vignali nel CdA sono stati intensificati i rapporti con l’Università. L’obiettivo per il 2022 è implementare sempre di più nella prossima stagione la presenza di eventi di mobilità sostenibile, dando nel contempo più spazio ai corsi di guida sicura che già si sono svolti quest’anno con il supporto di ACI. Senza dimenticare la dimensione pubblico-sociale dell’Autodromo, con la presenza delle giornate riservate all’Istituto di Montecatone per l’ottenimento delle patenti speciali per le persone affette da lesioni midollari; e le giornate aperte al pubblico, che hanno riscosso grandissimo successo e che cercheremo di aumentare nel 2022. Insomma, tanta carne al fuoco di un futuro che vedrà l’autodromo “Enzo e Dino Ferrari” sempre più protagonista. E non dimentichiamo, nel 2023, la novità unica al mondo del tennis in autodromo”.

“L’autodromo è il motore della città – così ha aperto il suo intervento il sindaco Marco Panieri – e ciò è stato possibile grazie alla sinergia fra noi dell’Amministrazione comunale, Formula Imola, il Con.Ami e soprattutto della Regione con il presidente Stefano Bonaccini in prima fila oltre all’aiuto arrivato dal Governo nazionale. Vogliamo investire sempre di più sulla Motor Valley che attraversa la via Emilia, ho appena parlato con gli albergatori, per mettere in collegamento motori, altri eventi che si terranno nel circuito del Santerno, i ristoranti stellati, il cibo, il golf e altre eccellenze del territorio del circondario per realizzare pacchetti turistici sempre più allettanti. In tale logica assumerà sempre più importanza ‘Terre e motori’ in collaborazione con la Città metropolitana di Bologna e con Modena. Il tutto sempre nell’ottica della polifunzionalità, a fine marzo prossimo ospiteremo i Campionati Italiani di Duathlon e nel corso del 2022 allestiremo una mostra rilevante alla Rocca che la collega all’autodromo il quale è naturalmente vicino all’Osservanza e all’Università. Insomma, con il nostro insediamento e con la nuova governance di Formula Imola la narrazione è diventata molto diversa rispetto a qualche tempo fa e ne siamo felici. Significa che abbiamo fatto un buon lavoro anche ascoltando i Comitati di cittadini che ci hanno segnalato alcune criticità sulle quali siamo intervenuti e stiamo ancora muovendoci”.

L’assessore all’Autodromo Elena Penazzi è partita in quarta ribadendo “il progetto di mantenere sempre in collegamento la stazione ferroviaria, il centro storico e l’autodromo in modo che i Gran premi diventino un momento di festa, e non solo. La nostra forza è lavorare in gruppo e il ricco calendario del 2022 non è certamente frutto di un caso anche se noi lo consideriamo un punto di partenza. Vogliamo aumentare una comunicazione forte verso l’esterno, soprattutto dal 2 aprile al 2 luglio nel momento caldo, e in particolare verso i giovani, molti dei quali non conoscono il mondo della Formula Uno. Lo faremo con eventi e giochi con l’aiuto di un’influencer che ci darà maggiore visibilità nel mondo dei social quale è Carolina Tedeschi”.

La ciliegina sulla torta finale arriva da Benvenuti che sottolinea: “Per quanto riguarda i biglietti per la F1 vogliamo incentivare la presenza, che speriamo sia possibile, del pubblico con biglietti a prezzi accessibili e abbordabili, diversificati nel week end partendo dal venerdì, sabato e domenica”.

(Massimo Mongardi)