Imola. Si è tenuta il 17 gennaio un’affollata assemblea degli operatori e operatrici del Corpo di Polizia Locale del Nuovo Circondario Imolese. All’ordine del giorno la verifica dell’applicazione da parte del Comandante del verbale redatto a seguito dell’incontro in Prefettura per chiudere lo stato di agitazione che era stato proclamato lo scorso 6 dicembre 2021.

L’applicazione di quel verbale che prevedeva interventi da parte del Comandante, sia dal punto di vista comunicativo sia organizzativo, ha provocato da parte degli operatori forti critiche collegate sia alle proposte organizzative, sia alla mancanza di confronto sindacale che avrebbe dovuto anticipare le modifiche organizzative, in particolare quelle legate alla turnistica.

Cgil, Cisl, Uil di categoria ritengono che, in primo luogo, vadano riattivate quelle relazioni sindacali previste dal verbale e conseguentemente hanno assunto le problematiche presentate dalle lavoratrici e lavoratori chiedendo subito un incontro urgente con la delegazione trattante di parte pubblica che potesse comprendere anche la presenza del sindaco Marco Panieri. Incontro che si terrà venerdì 21 gennaio in Comune a Imola.

La volontà di Fp Cgil Imola, Cisl Fp area metropolitana, Uil Fpl è quella di potere contare su corrette relazioni sindacali che abbiano la ricaduta di una organizzazione del Corpo tale da permettere, nel rispetto dei dettati contrattuali, il lavoro in un clima proficuo e possibilmente sereno. Tutto ciò per fornire il migliore servizio alla cittadinanza.

Qualora non fosse possibile raggiungere questo obiettivo, l’assemblea ha già votato a larghissima maggioranza la ripresa dello stato di agitazione con forme di mobilitazione e protesta che possono arrivare fino allo sciopero.

“Come Presidente del Circondario e sindaco di Imola colgo con particolare attenzione le criticità evidenziate dalle sigle sindacali. Sono stato contattato nella prima mattinata del 18 gennaio dalle stesse sigle sindacali e ho dato fin da subito la piena disponibilità ad aprire un tavolo di confronto, che abbiamo congiuntamente fissato per venerdì 21 gennaio, proprio per dare seguito agli approfondimenti necessari”. Lo fa sapere Marco Panieri, nella sua veste di Presidente del Nuovo Circondario Imolese e di sindaco di Imola, alla luce delle criticità evidenziate dalle organizzazioni sindacali di settore, che hanno richiesto la convocazione di un incontro alla presenza anche del primo cittadino di Imola, per quanto riguarda il comando di Polizia Locale del Nuovo Circondario Imolese.

“La Polizia Locale rappresenta un punto di riferimento straordinario per i nostri territori – aggiunge Panieri -. Siamo tutti consapevoli che le donne e gli uomini che ne fanno parte costituiscono un insostituibile punto di contatto che ogni giorno è accanto ai cittadini, in grado di rispondere alle tante esigenze che si manifestano, sul versante della legalità, della convivenza civile e del decoro urbano. Un impegno tanto più prezioso ed apprezzato in questi due lunghi e complessi anni di pandemia. Nell’anno appena trascorso abbiamo investito in maniera consistente e continueremo a farlo nell’anno in corso, nella direzione di un potenziamento e di una qualificazione dell’attività della Polizia Locale”. In questa direzione vanno le nuove assunzioni effettuate nel corso del 2021, l’entrata in funzione poche settimane fa del numero unico di PL, l’attivazione del servizio PagoPa, la cui piena operatività verrà garantita entro il mese di marzo, la consegna, a breve, di una nuova auto per il Comando di Imola.

“Sarò presente al confronto per trovare un punto di incontro, nel rispetto dei reciproci ruoli – conferma il presidente del Circondario -. Non a caso ho garantito massima celerità nella convocazione dell’incontro per arrivare ad un proficuo e sereno confronto al fine di garantire le migliori condizioni di lavoro possibile per il corpo di Polizia Locale. Il nostro obiettivo, al pari delle organizzazioni sindacali, è infatti quello di garantire il miglior servizio possibile ai cittadini”.

(m.m.)