Faenza. Con un omaggio ad Ennio Morricone è iniziata la decima edizione della kermesse musicale “Fiato al Brasile” che proseguirà fino al 13 febbraio, toccando le città di Faenza, Forlì e Cesena.

Nato nel 2011 e sviluppatasi grazie alla collaborazione fra la Scuola comunale di musica Sarti di Faenza, le università brasiliane Usp di Ribeirão Preto (São Paulo), l’università Udesc di Florianopolis (Santa Caterina) e l’Accademia musicale Alma di Ribeirão Preto, la rassegna giunge a una decima edizione che può venire definita “di ripartenza”, dopo lo stop forzato a causa dell’emergenza Covid-19.

Josè Gustavo Juliao de Camargo

Nonostante gli artisti brasiliani presenti saranno pochi, quest’anno ad essere presenti sono proprio coloro che lo hanno fatto nascere, ovvero i direttori  Josè Gustavo Juliao de Camargo e Cristina Emboaba, ormai noti a Faenza dove hanno partecipato a tutte le edizioni animando la Big band, i Cori, le Orchestre.

Il festival offre un programma denso e variegato, tra musiche italiane e brasiliane, classiche, popolari e jazz. Dopo l’apertura del 7 seguirà una variegata serie di appuntamenti presso luoghi quali il Ridotto del “Masini” (8 febbraio, con un concerto di Josè Gustavo Juliao de Camargo), lo Zingarò Jazz Club (che ospiterà, il 9 febbraio, il concerto “Roda de Samba e dintorni”), un concerto di cori presso la chiesa del Seminario (11 febbraio), un concerto di ensemble composte da studenti delle scuole secondarie (tra cui l’I.C.”Gherardi” di Lugo, la Scuola “Sarti” di Faenza, il Liceo musicale “Canova” di Forlì” e l’Istituto comprensivo di Vergato, ed infine , a concludere la rassegna, il programma “Composers” presso il Mic di Faenza, domenica 13 febbraio alle ore 18.

“Un appuntamento ormai fisso e atteso dai faentini e non solo; anche questa edizione di Fiato al Brasile ha acceso l’entusiasmo negli studenti e nei musicisti e in quanti lo seguono ormai da anni. Vengono confermate anche le collaborazioni nate nella precedente edizione. Riconfermiamo il rapporto iniziato con il liceo musicale statale di Forlì anche quest’anno, infatti, il festival entra nelle aule, con il Fab Flute-Clarinet Ensemble. Abbiamo inoltre attivato una collaborazione col Conservatorio ‘B. Maderna’ di Cesena, presso il quale si terrà una masterclass di Gabriele Mirabassi, clarinettista esperto in musica brasiliana che più volte ha partecipato ai concerti del Fab”, afferma Donato D’Antonio , direttore della Sarti.

L’ingresso a tutti gli eventi è ad offerta libera, il ricavato aiuterà a sostenere le spese per la realizzazione dell’iniziativa. È necessario prenotare inviando mail all’indirizzo [email protected] o telefonando al 0546.21186.

(Annalaura Matatia)