Bologna. Il 26 febbraio il vicesindaco e assessore alla Scuola, Fabrizio Castellari, ha partecipato, in rappresentanza della Città di Imola, alla cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2021/2022 dell’Università di Bologna, svoltasi nell’Aula Magna di Santa Lucia, il 934esimo dalla fondazione dell’Università. Il Rettore Giovanni Molari ha inaugurato l’anno accademico, il primo del suo mandato, con due ospiti speciali: il ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa e, video collegato dall’Egitto, Patrick Zaki. “L’Ama Mater continua a impegnarsi per tenere alta l’attenzione su questo caso, fino a quando Patrick non sarà libero di poter tornare a frequentare le aule e gli spazi della sua università” scrive in una nota l’Università di Bologna.

“Ci sentiamo orgogliosamente parte dell’antica e prestigiosa Università di Bologna. La nostra città accoglie da oltre 20 anni la presenza di corsi, docenti e studenti, una presenza che porta cultura e vivacità, ci gratifica e rafforza ogni giorno la comunità imolese” sottolineaCastellari. Imola ha partecipato alla cerimonia in quanto è una delle città che accoglie una delle sedi dell’Università di Bologna.

“Imola continua e continuerà a favorire la crescita dell’Ama Mater sul proprio territorio attraverso i nuovi corsi, come ad esempio quello di ingegneria meccatronica avviato di recente,  ma anche attraverso nuovi spazi, quali il restauro dei padiglioni dell’Osservanza – aggiunge il vicesindaco ed assessore alla Scuola – in una città nella quale il sistema formativo oltre il diploma di istruzione superiore sta crescendo in molte direzioni e nella quale il sistema delle imprese è nel mondo grazie ad una continua capacità di innovazione, non sfugge il ruolo imprescindibile della formazione universitaria”.