Imola. La giunta comunale ha approvato il 1° marzo la delibera che contiene una serie di indirizzi in merito al progetto dell’isola ecologica e punto riuso “Montericco”.

Nello specifico la delibera stabilisce che, in primo luogo “non verrà attuata alcuna riduzione delle IEB-Isole Ecologiche di base IEB (cosiddetti cassonetti stradali) attualmente presenti sul territorio comunale, sia per quanto riguarda il numero complessivo che per la tipologia dei rifiuti raccolti che sono assolutamente indipendenti dal Progetto dell’Area attrezzata Montericco”. In secondo luogo la delibera stabilisce che “l’orario di apertura della nuova area attrezzata multifunzionale per la raccolta differenziata non sarà di 24 ore al giorno ma sarà modulato al fine di evitare aumento di traffico in corrispondenza degli orari di punta su via Montericco”. Infine stabilisce che “sarà possibile conferire solo rifiuti di tipo domestico non maleodoranti o polverulenti di modeste dimensioni. Sono esclusi i prodotti delle attività artigianali (ad es. macerie), gli ingombranti, i grandi elettrodomestici, i pneumatici e le batterie”.

La delibera verrà ora trasmessa ad Atersir ed Hera spa al fine di tenerne conto nella redazione della scheda del progetto per la candidatura al PNRR, la cui scadenza è stata posticipata dal governo, con la proroga dal 14 febbraio al 14 marzo prossimo.

Il primo incontro dell’assessora all’Ambiente Elisa Spada con un gruppo di cittadini abitanti nel quartiere Pedagna

Una risposta alle preoccupazioni dei cittadini – Mettendo nero su bianco questi indirizzi, la delibera della giunta comunale dà risposta alle preoccupazioni che sono emerse da parte dei cittadini nel percorso di ascolto, in atto, compreso l’incontro pubblico svoltosi il 24 febbraio scorso. Nello specifico, le preoccupazioni emerse riguardano i tre punti seguenti: in primo luogo la riduzione delle Isole Ecologiche di base (gruppi di contenitori per la raccolta stradale dei rifiuti indifferenziati e differenziati) presenti nel territorio comunale; in secondo luogo la congestione del traffico su via Montericco derivante da orario di apertura dell’Isola Ecologica H24; infine possibile produzioni di polveri o cattivi odori.

La delibera approvata ora dalla giunta cambia quindi, rispetto a quello iniziale, il progetto che verrà candidato ai fondi PNRR, che terrà conto di queste modifiche. Ricordiamo che la scadenza iniziale per la presentazione delle candidature ai fondi del PNRR è stata posticipata dal governo, pochi giorni prima della scadenza stessa, dal 14 febbraio al 14 marzo prossimo.

A breve le date per gli incontri pubblici per il confronto su tre aspetti – Nei prossimi giorni saranno rese note anche le date dei sei incontri pubblici, due per ciascuno dei tre temi individuati dall’Amministrazione comunale nell’ambito di un percorso condiviso per approfondire gli aspetti emersi dall’ascolto della comunità. Gli incontri tematici verteranno su questi tre aspetti: l’inserimento paesaggistico e il rapporto dell’isola con il quartiere; la gestione dell’isola ecologica e la tipologia di rifiuti conferibili; la viabilità e l’impatto sul traffico. Gli incontri si svolgeranno nella sala al primo piano del centro sociale La Tozzona. Si è scelto di fare più incontri a piccoli gruppi così da consentire un maggiore approfondimento dei temi.

I risultati di questi incontri con i cittadini saranno resi pubblici e tenuti in considerazione dall’Amministrazione comunale per definire il progetto finale, che potrà essere meglio dettagliato rispetto a quello che verrà inviato entro il 14 marzo al bando per i fondi del PNRR.

Candidato al PNRR anche il progetto di ammodernamento della stazione ecologica esistente – Parallelamente a questo, è già stato candidato ai finanziamenti previsti dal PNRR anche il progetto di ammodernamento della stazione ecologica di via Brenta/via Lasie (in zona industriale), che prevede un investimento di 160mila euro.