Imola. Un gruppo di persone riunite sotto la sigla “Cessate il fuoco – cittadini e cittadine del circondario” il 5 marzo, durante la mattinata, hanno distribuito in centro storico circa 500 volantini relativamente alla guerra in Ucraina.

Di fronte all’invasione russa dell’Ucraina e alle catastrofi che si preparano se il conflitto non verrà fermato, alcune cittadini si sono ritrovati al Circolo Arci Estro di Imola per discutere di cosa stia accadendo con il desiderio (anzi la necessità) di fare la loro parte.
Come recita il volantino, ecco cosa pensano di fare: “Informarsi e informare, favorire la discussione e l’incontro; promuovere subito azioni concrete in aiuto delle persone in fuga dall’Ucraina; chiedere alle Istituzioni locali di essere ascoltate, chiedere alle Istituzioni locali di promuovere una costante informazione per sapere cosa in concreto si stia facendo; proporre che una rete di cittadini si impegni in modo attivo; riflettere insieme sulla posizione dell’Italia e dell’Europa in questa guerra. Noi crediamo che allargare il conflitto inviando armi sia sbagliato. L’articolo 11 della nostra Costituzione non va violato. Chi vuole davvero favorire il cessate il fuoco e la ricerca di una soluzione pacifica deve chiedere l’intervento dell’Onu, non delle truppe.
Info e contatti: Circolo Arci estro – Via Aldrovandi 12 – Imola – Whatsapp:
324.8032073 – [email protected]
Per restare aggiornati: https://estroimola.com/cessate-il-fuoco