Imola. Il 26 aprile 2022 sono trascorsi 36 anni dallo scoppio del reattore nucleare di Chernobyl e l’associazione “Insieme per un futuro migliore” ha commemorato, con il vicesindaco Fabrizio Castellari, a nome dell’Amministrazione comunale, tale tragico evento, deponendo un mazzo di fiori alla lapide posta nel “Giardino Vittime di Chernobyl”.

“Lo scoppio del reattore nucleare di Chernobyl è stato sicuramente un evento tragico, ma che negli anni, grazie all’ospitalità attivata dalla nostra associazione, è riuscita a donare tanta gioia alle famiglie imolesi ospitanti e ai bambini bielorussi qui ospitati, e ha contribuito a garantire a questi ultimi prospettive di vita migliori. Non sappiamo se e quando potremo riabbracciare i nostri piccoli amici, ma abbiamo, noi e loro, la consapevolezza che seppur lontani siamo e resteremo sempre vicini”, fa sapere con un velo di commozione Arena Ricchi, presidente dell’associazione “Insieme per un futuro migliore”.

“Come ogni anno, anche la città di Imola è stata presente al momento di memoria della tragedia di Chernobyl. La nostra città, infatti, attraverso l’impegno costante e proficuo dell’associazione “Insieme per un futuro migliore” e delle famiglie ad essa collegate, offre accoglienza da oltre 25 anni ai bambini colpiti dagli effetti delle radiazioni nucleari” sottolinea il vicesindaco Fabrizio Castellari.