Imola. “Raggi cosmici dall’Italia al Polo nord” è il tema della prima serata del nuovo ciclo di incontri organizzati da SpazioTempo. L’appuntamento è per giovedì 27 aprile, ore 20.30, a Villa Torano (via Poggiolo 4 – Imola). Relatrice sarà la prof.ssa Luisa Cifarelli, ordinaria di Fisica sperimentale all’università di Bologna, ricercatrice insigne che ha svolto la propria attività in numerosi laboratori internazionali tra i quali il Cern di Ginevra ed i laboratori nazionali del Gran Sasso.

Prenotazione obbligatoria a [email protected] Informazioni: [email protected]

Il tema

Lo studio dei raggi cosmici è di grande attualità, specialmente quando si considerano sciami di particelle di altissima energia, provenienti dalla zone più lontane del cosmo, che investono la superficie terrestre. L’esperimento EEE – Extreme Energy Events – è stato realizzato a tale scopo, con una rete di oltre 60 rivelatori di raggi cosmici installati in altrettanti istituti scolastici distribuiti in tutta Italia, da nord a sud, e nelle isole. EEE è un’iniziativa unica nel suo genere poiché riesce a coinvolgere centinaia di studenti e a renderli partecipi di una vera attività di ricerca scientifica, coniugando molto efficacemente didattica e fisica.

Recentemente, nell’ambito dell’esperimento EEE, una nuova impresa, chiamata PolarquEEEst, ha permesso di effettuare inedite misure di precisione del flusso di raggi cosmici fino a 82°07’N di latitudine, oltre il circolo polare artico, a bordo di una barca a vela che ha circumnavigato le isole Svalbard nel 90° anniversario del volo transpolare del dirigibile Italia. Attualmente tre rivelatori PolarquEEEst sono installati alla base artica internazionale di Ny Ålesund. Sono i rivelatori più a nord del mondo che, insieme a quelli installati in Italia, ci forniscono preziose informazioni sui raggi cosmici, scoperti nel 1912, e ancora così affascinanti.

La relatrice

Luisa Cifarelli

Luisa Cifarelli, è una Professoressa di Fisica Sperimentale all’Università di Bologna. I suoi interessi di ricerca sono nel campo della fisica subnucleare e dell’astrofisica particellare presso i maggiori laboratori europei come il Ceern e i laboratori na zionali del Gran Sasso. È stata la prima presidente donna della Società italiana di Fisica, e poi della Società europea di Fisica. È stata presidente del Museo storico della Fisica e Centro studi e ricerche ”Enrico Fermi” (Centro Fermi). È membro dell’Accademia Europea e dell’Accademia delle Scienze di Bologna. Attualmente partecipa all’esperimento Alice a LHC, all’esperimento EEE per la ricerca di sciami cosmici estesi e al progetto DarkSide per la ricerca della materia oscura dell’Universo.