Imola. Silenziosa, veloce, efficace sulla strada e in un autodromo storico come l”Enzo e Dino Ferrari” dove il 9 maggio ha fatto le prime prove in città. L’auto totalmente elettrica “Corrente”, con un’autonomia di oltre 300 km e una velocità che in autostrada può arrivare pure sopra ai 130 km/h, allarga così l’area di attività dopo Bologna, Ferrara, Casalecchio di Reno e Rimini col suo prezioso litorale, inserendo Imola come zona di prelievo e rilascio per le Renault Zoe 100% elettrico che si prenotano e guidano semplicemente scaricando una app.

Corrente è il primo Car Sharing in Italia a consentire di aprire la corsa in una città e chiuderla in una città diversa. Per questo motivo l’arrivo a Imola rappresenta una opportunità sia per i residenti nei comuni di Bologna, Ferrara, Casalecchio di Reno e Rimini, sia per i cittadini imolesi. La posizione di Imola è infatti baricentrica tra il capoluogo regionale e la riviera. Importante è poi il collegamento tra Bologna e il secondo centro urbano per dimensione della Città metropolitana. A cominciare da quello che vede l’Università gestire una vera e propria sede imolese e che fa di Corrente, fin da subito, un servizio particolarmente prezioso anche per i giovani universitari oltre che per imprese e lavoratori che per varie ragioni hanno necessità di spostarsi tra le diverse città.

Voluto dal sindaco Marco Panieri e dall’assessora alla Mobilità sostenibile, Elisa Spada, come tassello di una strategia ecologica della città di Imola, l’arrivo delle auto elettriche rappresenta una scommessa sulla sharing mobility.

Corrente serve, poi, sia la stazione dell’alta velocità di Bologna (con parcheggi dedicati e gratuiti), sia l’aeroporto “Marconi” di Bologna ed è questa una doppia opportunità in più in chiave turistica ed in una logica business. È possibile infatti scendere all’aeroporto, prenotare e utilizzare una vettura e arrivare direttamente ad Imola e qui chiudere la corsa e, viceversa, prendere la macchina a Imola e andare in stazione a Bologna o all’aeroporto e parcheggiarla lì, prima di partire.

“Grazie a tutti i partner che hanno lavorato per poter presentare questo servizio di car sharing integrato ai cittadini di Imola. Una scelta che si inserisce nella rete territoriale di cui facciamo parte, a cominciare dalla Città Metropolitana di Bologna, e che prosegue sulla strada della sostenibilità ambientale. Tper è una compagnia di servizio che è nota sul territorio e che si muove su larga scala, e anche questo rappresenta un vantaggio per chi deciderà di usufruire. Dobbiamo ammettere che a Imola questo aspetto mancava e oggi copriamo questa carenza, che rappresenta un’opportunità per le aziende del territorio, per le famiglie imolesi e per gli studenti universitari – fa sapere Marco Panieri, sindaco di Imola -. In questa prima fase sarà importante far conoscere questa opportunità. Inoltre, come Comune abbiamo acquistato 20mila euro di voucher che, circa da settembre, metteremo a disposizione degli studenti universitari della sede imolese”.

“L’arrivo di Corrente ad Imola è molto importante – spiega Giuseppina Gualtieri, presidente e amministratore delegato di Tper – nella logica di costruzione di un servizio a rete anche per il nostro car sharing che, nella filosofia del Gruppo Tper è strettamente integrato ed integrabile con il trasporto pubblico. Grazie a questo nuovo servizio, Imola potrà infatti godere dei tanti benefici di una mobilità condivisa ed estremamente ecologica. Come sta succedendo già a Bologna, Ferrara e Rimini. Una mobilità condivisa che assieme al trasporto pubblico rappresenta una solida alternativa all’utilizzo dell’auto privata”.

Soddisfazione è stata espressa da Elisa Spada, assessora all’Ambiente e mobilità Sostenibile del Comune di Imola “per l’attivazione di questo servizio che integra e fa sinergia con gli altri servizi di mobilità condivisa, ad esempio le bici a flusso libero, favorendo l’intermodalità anche con il servizio ferroviario. La mobilità condivisa può diventare la leva per stimolare la riduzione dei mezzi privati in circolazione e promuovere l’uso dell’elettrico, sia dei privati sia delle aziende”.

L’area di estensione a Imola è piuttosto vasta e copre buona parte del territorio del Comune con particolare attenzione ai suoi poli sportivi (autodromo in testa), sanitari come l’Ausl e l’ospedale per mielolesi di Montecatone e dei servizi.

Per i residenti a Imola è previsto un piccolo regalo di benvenuto: chiunque si registrerà scaricando l’app da Play Store o Apple Store riceverà in automatico un buono pari a 15 minuti di mobilità elettrica con le auto di Corrente. Tariffe speciali, infine, per tutti gli abbonati Tper. Le Renault Zoe elettriche hanno 5 posti, 5 porte; è possibile prenotare la corsa direttamente dal proprio smartphone e pagare con addebito su carta di credito. A Imola Corrente arriverà con una prima flotta di 10 vetture grazie alla collaborazione preziosa istaurata con Area Blu. La flotta Corrente complessivamente conta 385 vetture.

L’altra peculiarità di Corrente è che l’utente non deve fare nulla: a pulire, igienizzare regolarmente e ricaricare le macchine pensa infatti l’organizzazione del servizio. Per guidare Corrente è sufficiente sbloccare l’auto, pagare solamente il tempo di effettivo utilizzo e chiudere poi la corsa rientrando nell’area di copertura. Esistono anche tariffe flat giornaliere, settimanali e mensili con cavo di ricarica. Con questo Car Sharing è possibile andare ovunque, nei limiti, ovviamente, della autonomia. È necessario però aprire e chiudere il noleggio nelle aree di copertura. Corrente a Bologna, Ferrara, Rimini e Imola non paga la sosta sulle strisce blu e, a Bologna, Ferrara e Imola,

Come anche in altre città, anche a Imola sono previsti stalli dedicati e riservati alla sosta delle vetture di car sharing elettrico che saranno contrassegnati nelle prossime settimane e saranno identificabili da specifica segnaletica oltre che individuabili tramite app.

Corrente è comunque un car sharing a flusso libero: con l’ausilio della facile app è possibile vedere in tempo reale dove si trovano le vetture, verificarne la percentuale di carica (e dunque l’autonomia) e prenotarle. Corrente è anche uno sharing utilizzabile dai neopatentati.

Ecco gli stalli dedicati a Corrente che verranno realizzati: Viale A. Costa, 51 – fronte 74 (n. 1 stallo); Piazzale A. Pertini (n. 1 stallo); Via XX Settembre, 2 – 2/A (n. 1 stallo);  Via C. Morelli, 11 (n. 1 stallo);  Via G. Puccini, 35/37 – in corrispondenza di Piazza W. A. Mozart (n. 1 stallo); Via Pola – Parcheggio Ospedale Nuovo (n. 2 stalli);  Viale A. Saffi, 77 (n. 1 stallo); Piazza A. Senna, 4 (n. 1 stallo); Via Malsicura, 2 (n. 1 stallo); presso l’Ospedale di Montecatone (1 stallo).