Il sindaco di Imola e presidente del Nuovo Circondario Imolese Marco Panieri e il sindaco di Fontanelice, Gabriele Meluzzi, hanno partecipato con una delegazione del Nuovo Circondario Imolese e della Città metropolitana all’incontro promosso dal Programma Internazionale di Cooperazione Urbana e Regionale IURC, che si è svolto a Malacca (Malesia) nell’ambito della Missione di scambio UE-Malesia “Applicare soluzioni basate sulla natura in progetti pilota e formulare sviluppi di politica congiunta”, dal 17 al 19 maggio. Il programma IURC è promosso e finanziato dall’Unione Europea e rappresenta l’intervento più importante della UE per gli scambi e la cooperazione internazionale tra le città al di fuori dell’Unione.

Nel 2021 è stata presentata da parte del Nuovo Circondario Imolese la candidatura per attività internazionali da realizzare all’interno del programma europeo IURC dell’Unione Europea. Questo programma finanzia scambi di esperienze e progetti congiunti tra le più importanti città europee e rilevanti città dell’America del Nord, America del Sud, Cina, Sud Est Asiatico, Australia e Nuova Zelanda. Grazie alla qualità e innovatività del progetto, il NCI ha ottenuto l’approvazione di un intervento di cooperazione con la Malesia focalizzato sui temi della sostenibilità e dei servizi green per la città.

Più specificamente, le aree di interesse per la cooperazione internazionale con la Malesia sono:

  • Soluzioni basate sulla natura (nature based solutions): transizione ecologica e green deal (considerando anche turismo/cultura);
  • Città intelligenti e sostenibili, con aspetti tecnologici e culturali che sono temi cruciali per le città del futuro;
  • Centro di ricerca sul green design.

Gli obiettivi di questa missione di scambio e studio nella città di Malacca sono stati:

  • Consentire agli esperti delle città di impegnarsi in dialoghi sui reciproci piani e progetti di sviluppo, animare incontri, riunioni istituzionali e visite in loco tra la Città di Malacca e i rappresentanti del Circondario e Città metropolitana per discutere e definire operativamente le collaborazioni tra le città nel 2022 e nel 2023.
  • Per presentare alla Città di Malacca le competenze e i progetti del territorio imolese, avviare il trasferimento di conoscenze e di soluzioni innovative e per incontrare i partner tecnici necessari e per eseguire progetti sul campo.
    • Per definire un protocollo d’intesa e formalizzare la collaborazione tra le città dopo il completamento della missione di studio.

    La delegazione italiana guidata dal sindaco Panieri è stata ricevuta da una delegazione del Melacca Historic City Council, l’autorità locale che amministra la città di Malacca e altre aree del distretto di Melacca Tengah.

    “E’ stata un’occasione importante, che ha permesso in breve tempo di entrare in contatto con cultura e storia di un Paese rilevante nel Sud Est Asiatico, capace di generare opportunità, terreno di lavoro comune tra le due città e le reciproche comunità. Sostenibilità, innovazione (smart city), cultura, qualità degli edifici e delle aree verdi possono essere rilevanti ambiti di lavoro congiunto. Inoltre, entrambe le città stanno studiando progetti di riqualificazione green dello spazio urbano che hanno come perno il fiume e i parchi cittadini. Questa relazione permetterà anche di accedere a fondi europei per lo sviluppo dei servizi a favore dei cittadini/e e delle impese di entrambe le comunità”, ha dichiarato Panieri, al termine della missione.

    Durante la visita in Malesia, a Kuala Lumpur, il sindaco Panieri e la delegazione italiana si sono incontrati con l’ambasciatore italiano in Malesia, Massimo Rustico, per approfondire i temi economici e sociali.

    La città di Malacca è stata dichiarata città storica e patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2008. È rinomata per il suo patrimonio multiculturale, leader in azioni urbane verdi, intelligenti e sostenibili.

    Una delegazione di alti rappresentanti della Città di Malacca visiterà Imola, il Nuovo Circondario Imolese e Bologna a settembre, per consolidare le basi di una collaborazione solida e di lungo termine sui temi della qualità dello sviluppo della città e della sostenibilità.