“Ci vediamo domani ad Imola!”, è il messaggio di Vasco Rossi ai circa 90mila fan che stanno già giungendo in città per il suo concerto del 28 maggio. Si tratta di un grande ritorno per il Blasco che ricorda: “La prima volta quando ho sorvolato l’autodromo Enzo e Dino Ferrari a bordo di un elicottero… era il 1998, la prima volta per me ad Imola e la prima volta dell’Heineken Jammin’ Festival. In quell’occasione ho aperto l’autodromo al rock… insieme ai 130mila”.

Vasco Rossi con il Gallo in concerto

“Dopo esser arrivato con l’elicottero ho preso un raffreddore spaventoso – sottolinea Vasco -. Non riuscivo a tenere gli occhi aperti… che lacrimavano. Ero sdraiato sul divano disperato. È stato un momentaccio molto duro… Poi è arrivato il mio medico Gatti, mi ha fatto un massaggio, mi ha dato un voltaren. Sono salito sul palco e magicamente tutto è andato bene. Quella sera ho goduto parecchio, c’era una grande intesa, a tutti i livelli. Quando salgo sul palco e parte la musica… tutto quadra!”.
“Sono onorato e fiero di ospitare gli Ologramma sabato sera sul palco di Imola – conclude il Komandante -. Questi ragazzi sono dei fenomeni. Il loro progetto rappresenta il potere della musica e dell’ispirazione. La musica fa bene al cuore. Wiva gli Ologramma”.

Si parte alle 18.30 con le band di supporto, poi verso le 21 le decine di migliaia di occhi saranno solo per lui.

Attualmente si parla di oltre 600.000 biglietti venduti in totale per gli 11 concerti previsti per questo tour che attraverserà tutta l’Italia.

Sarà festa grande, questo è sicuro: “Cosa succederà… non me lo riesco a immaginare. Io non sto nella pelle, sarà come minimo un’esplosione di emozioni, io non vedo l’ora di rivederli e di riabbracciarli. Tutti”.

Le iniziative di contorno

In occasione del concerto di Vasco Rossi all’autodromo Enzo e Dino Ferrari, presso lo spazio Bottega d’Arte Sociale in via Aldrovandi 11, in centro storico a Imola, sarà esposta per tutto il giorno la chitarra suonata da Vince Pàstano nel tour Vascononstoplive2019 dove è stato raggiunto il record di sei date consecutive allo stadio San Siro di Milano. Ci sarà la possibilità di parlare delle caratteristiche tecniche dello strumento con il Liutaio che ha ideato e costruito lo strumento in collaborazione con Vince Pàstano e di poter provare la chitarra.

In contemporanea il Bar Bologna in via Emilia 206 rimarrà aperto tutto il giorno con vetrina a tema, musica, cibo e animazione.