Imola. Sulla contestata Isola Ecologica di Montericco, arriva la risposta della Regione secondo cui “il proponente – ha fatto sapere il consigliere regionale e comunale a Imola della Lega Daniele Marchetti – potrà esercitare la facoltà di rinunciare al finanziamento Pnrr accompagnando tale richiesta con un’adeguata motivazione. Ma cosa significa adeguata motivazione?”. Dopo i numerosi atti ispettivi presentati in consiglio comunale, ecco la  risposta della Regione sulla tanto discussa Isola Ecologica di Montericco, un impianto da due  milioni di euro da finanziare con i fondi del Pnrr, un progetto che non ha visto alcuna partecipazione preliminare della cittadinanza, che si ritroverebbe un’area di conferimento rifiuti nel bel mezzo di un’area residenziale.

“Si tratta di un’isola ecologica – spiega Marchetti – che secondo l’Amministrazione comunale servirebbe a far salire la raccolta differenziata dal 77,5% all’84%, ma che, per stessa ammissione del Comune, se realizzata in un’altra area della città, sarebbe costata un terzo. Tutto questo perché? Forse perché quel terreno è di Hera? Al di là di tutto, trovo davvero paradossale che un’Amministrazione partecipi ad un bando per poi iniziare a paventare l’idea di ritirarsi. Detto ciò – ha aggiunto il leghista Marchetti –  mi auguro fortemente che tale retromarcia si possa verificare realmente, ripartendo così da zero. Resta da capire però un punto: che cosa si intende per adeguata motivazione, per quanto riguarda un possibile ritiro dai fondi Pnrr? Speriamo di sentire presto su questo tema la giunta imolese”