Imola. Dal 1° luglio le casse dell’Ausl accetteranno esclusivamente pagamenti con modalità elettroniche (bancomat, carte di credito, bancoposta, prepagate), mentre si potrà continuare a pagare in contanti alle riscuotitrici automatiche abilitate presenti all’Ospedale S. Maria della Scaletta di Imola, al Centro Prelievi dell’Ospedale Vecchio e alla Case della Salute di Castel S. Pietro Terme e Medicina.

Una strada già da anni percorsa da gran parte delle aziende sanitarie regionali, che garantisce maggiore sicurezza a cittadini ed operatori e snellisce e velocizza le operazioni di sportello.

La diffusione del pagamento elettronico, che nel periodo pandemico ha avuto un’ulteriore rapida accelerazione, induce già larga parte della popolazione ad utilizzare la “moneta elettronica” agli sportelli aziendali e l’entrata a regime del pagamento tramite sistema PagoPA permetterà comunque il pagamento in contanti in farmacia e nei tanti esercizi abilitati, dai supermercati alle tabaccherie. Non va inoltre dimenticato che oltre il 67% degli assistiti dell’Ausl ha un FSE personale abilitato dal quale ci si collega direttamente a PagoPA.

Dal primo luglio eventuali rimborsi autorizzati saranno emessi esclusivamente tramite bonifico sul conto corrente dell’avente diritto (www.ausl.imola.bo.it/rimborsi)

Si consiglia di effettuare i pagamenti delle prestazioni in prossimità dell’erogazione delle stesse, in modo da ridurre il rischio, in caso di successiva disdetta, di dover seguire l’iter di richiesta di rimborso.