Castel San Pietro (Bo). Grande entusiasmo, soddisfazione e sorrisi alla presentazione dei progetti e delle attività di EDU In-Forma(Zione) Bologna Scuola Calcio Aiac Renzo Cerè – progetto BFC senza barriere – Sport per tutti calciando la dis-abilità, l’associazione nata a Castel San Pietro nel 2016 che promuove l’attività sportiva per ragazzi e ragazze diversamente abili con scuole calcio aperte anche a Bologna e Imola.

Immersi nel verde al Villaggio della Salute Più e davanti a una vivace platea formata dai ragazzi – una ventina – e dagli educatori che partecipano al Summer Camp, sono intervenuti: Fausto Tinti, sindaco del Comune di Castel San Pietro, Gianni Grassi, presidente di EDU In-Forma(Zione) Bologna Scuola Calcio Aiac Renzo Cerè – progetto BFC senza barriere – Sport per tutti calciando la dis-abilità, che era accompagnato da altri due soci fondatori dell’associazione Marco Bergami e Danilo Cardelli, e il professor Antonio Monti, direttore scientifico del Gruppo Monti Salute Più.

Dopo una breve presentazione del presidente Grassi, a parlare è stato il prof. Monti, che in qualità di padrone di casa ha dato il benvenuto a tutti i presenti e poi ha colto l’occasione per fare ai ragazzi una piccola lezione, dal suo punto di vista professionale, su come migliorare le loro prestazioni sportive e non solo. “Vorrei che quando andrete via da questo Camp, foste dei giocatori più bravi – ha affermato il prof. Monti -. Fare allenamento non basta. Abbiamo una rete neurale, i muscoli sono legati al cervello, per questo bisogna innanzitutto la mente, niente tv, niente cellulare e lavorare con la propria testa…”.

“Ringrazio lo staff di Edu In-Forma(zione) – Bfc senza barriere, il prof. Antonio Monti e Graziano Prantoni, che non ha potuto essere qui, per aver accolto anche quest’anno il Summer Camp al Villaggio della Salute Più – ha sottolineato il sindaco Tinti -. Nel percorso che ha fatto questa associazione c’è un confine grande che abbraccia tutti: sono partiti dal campo di calcio a 5 di Castel San Pietro e sono arrivati fino al Romeo Galli e al Bologna, con un impegno di vita che abbraccia tutti i giorni dal lunedì al venerdì per gli allenamenti, e anche i sabati e le domeniche quando parte il campionato. Un impegno che l’Amministrazione Comunale sostiene e che invita anche le altre Amministrazioni a sostenere. Grazie a tutti i ragazzi che ci danno una grande lezione, che è quella di mettersi in gioco”.

“Questo Camp estivo è un sogno che abbiamo realizzato per la prima volta l’anno scorso, in epoca di Covid – racconta il presidente Giovanni Grassi dopo aver elencato le tante attività messe in piedi dall’associazione -. Temevamo che le famiglie avrebbero avuto paura, invece hanno aderito numerose. Tutti quelli che hanno partecipato l’anno scorso oggi sono qui e si sono aggiunti anche 5-6 compagni nuovi. Grazie alle famiglie per la fiducia. Inoltre il nostro staff si è allargato con due ragazze: Eleonora e Virginia. Per la prima volta abbiamo fatto il campionato regionale di calcio special, con trasferte a Reggio Emilia e Modena. Abbiamo partecipato tutti, andando alle partite in 20 per giocare calcio a 5, facendo cambi ogni 5 minuti. Questo è il nostro spirito: devono giocare tutti e i più forti si fermano per dare la palla ai più deboli. La nuova stagione comincerà con la partecipazione al secondo progetto Erasmus dal nome ‘Determinati’. Si tratta di uno scambio con la squadra Frame Football di Malta. Loro sono già venuti in Italia nel 2019 e noi ricambieremo andando a Malta dal 23 al 29 agosto. Gli allenamenti invece riprenderanno lunedì 5 settembre a Castel San Pietro, martedì 6 a Bologna nel centro sportivo Barca e giovedì 8 a Imola”.