Imola. Da Imola, passando per Faenza, a Zwickau in Germania. Il ballerino imolese Davide Gentilini approda in una prestigiosa compagnia tedesca di danza contemporanea. Appena diplomatosi al Liceo Classico di Imola (peraltro con un’ottima valutazione), il danzatore 19enne ha ricevuto un vero e proprio “premio” alla sua bravura ma anche alla sua costanza in tutto ciò che è disciplina. Dopo aver mosso i primi passi nell’IndipenDance Studio di Imola, è cresciuto artisticamente nel “Dance Studio” di Faenza, ed ora è arrivata l’occasione d’oro, un vero e proprio contratto lavorativo presso il “Ballet Plauen-Zwickau” in Germania, precisamente in Sassonia, a circa trenta minuti da Dresda.

Davide Gentilini

Gentilini, che partirà attorno al 20 di agosto per cominciare la nuova esperienza il 25 dello stesso mese, ha preso al volo questa occasione, seppur con stupore e sorpresa: “Questa chiamata da Sergei Vanaev, direttore del corpo di ballo di Zwickau e Plauen mi è arrivata all’improvviso, due settimane fa, ma soprattutto è stata un vero e proprio fulmine a ciel sereno. Lui e la mia insegnante Luna Ronchi (direttrice del Dance Studio di Faenza) si erano sentiti dopo essersi conosciuti a un concorso a Roma al ‘Roma Dance Contest’ dello scorso gennaio”, dove il danzatore si è classificato al primo posto per la categoria solisti professional nella specialità del contemporaneo, e il direttore del corpo di ballo tedesco era parte della giuria”.

Dopo diversi mesi, “Luna è stata contattata da Vanaev che cercava un ballerino maschio per ricoprire un ruolo mancante nella compagnia; dopo aver espresso il mio interesse, ci siamo sentiti telefonicamente e, insomma, ora sto cercando casa in Germania”, commenta il ballerino con tono entusiasta.

La compagnia si chiama “Ballet Plauen-Zwickau”  e per la prossima stagione teatrale ha in programma 3 distinte premiere, da riproporre in entrambi i teatri, il tutto per un totale di sei performance; un programma impegnativo e “challenging”, che metterà alla prova, ma sicuramente anche in risalto, il grande spirito di sacrificio del giovane imolese, che ne approfitta per esprimere la sua gratitudine verso Luna Ronchi, fondatrice e direttrice del Dance Studio, vera e propria fucina di talenti del mondo della danza, con numerosissimi ballerini che da Faenza e dintorni sono partiti alla volta di grandi compagnie di ballo nei teatri più famosi d’Europa (Budapest, Hannover, Monaco, Roma, Basilea, Dresda, tanto per citarne alcuni).

Davide Gentilini durante un’esibizione

“Fin da subito ho trovato in Davide una gran costanza, impegno e talento; tuttavia lui, quando è arrivato qui, doveva logicamente ancora crescere artisticamente parlando, e aveva bisogno di essere instradato nel modo giusto. Fortunatamente, il nostro rapporto è sempre stato caratterizzato da una grande apertura dell’uno nei confronti dell’altro, ed è per questo che ha avuto modo di esprimere appieno il suo grande talento”, afferma Luna Ronchi, che aggiunge “la notizia del lavoro in Germania è stata qualcosa di totalmente inaspettato; mi mancherà molto”, manifestando, oltre a una grande soddisfazione, anche un senso di dispiacere pensando a tutti i giovani (ma grandi) talenti italiani della danza, che molto spesso devono volgere lo sguardo verso l’estero, abbandonando un Paese che – pur avendo un grande potenziale- spesso e volentieri non lascia spazio alle nuove generazioni di crescere sia dal punto di vista lavorativo che artistico.

(Annalaura Matatia)