Dopo la tappa di Imola alla Rocca sforzesca che si svolgerà il 13 luglio alle 21 con ingresso gratuito (si consiglia la prenotazione su https://www.eventbrite.it/e/biglietti-guerre-e-omissioni-370426625007), “La Milanesiana” ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, arriva lunedì 18 luglio a Dozza in Piazza Zotti (ingresso libero – inizio spettacolo alle 21) con la lectio illustrata di Vittorio Sgarbi “Caravaggio e Pasolini”.

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi condurrà nelle vite fin dentro le opere rivoluzionarie di Michelangelo Merisi e Pier Paolo Pasolini, portando alla luce quanto di più necessario ci è stato donato dalle rivoluzionarie attività di questi due maestri i quali, nonostante abbiano vissuto a circa quattrocento anni di distanza l’uno dall’altro, lottarono contro analoghi ostracismi, pagando il caro prezzo della vita in cambio della propria libertà intellettuale.

La serata si apre con i saluti istituzionali del sindaco di Dozza, Luca Albertazzi, e l’introduzione di Elisabetta Sgarbi. L’appuntamento è in collaborazione con Regione Emilia-Romagna.

La Milanesiana è il più grande festival itinerante che promuove il dialogo tra le arti e quest’anno torna con la sua 23esima edizione dedicata al tema “Omisssioni”. Un festival di respiro internazionale che tesse relazioni tra letteratura, musica, cinema, scienza, arte, filosofia, teatro, diritto, economia e sport e che anno dopo anno diventa sempre più protagonista delle estati italiane.

Dal 4 giugno al 3 agosto, La Milanesiana infatti arriverà in 20 città diverse con oltre 60 incontri ed eventi, accogliendo più di 150 ospiti italiani e internazionali. Come in tutte le edizioni, l’arte ricopre un ruolo importante all’interno del Festival che quest’anno ospiterà ben 9 mostre in tutta Italia, dal 4 giugno al 15 settembre.

La Rosa dipinta da Franco Battiato, che fin dalla prima edizione è il simbolo de La Milanesiana, è stata rielaborata anche quest’anno da Franco Achilli.