Imola. Il sindaco Marco Panieri ha firmato il 13 luglio un’ordinanza, constatato che, in particolare nella stagione 2022, il fenomeno degli incendi boschivi inclusi quelli che si propagano anche su aree di interfaccia urbano-rurale, provocano gravi ed ingenti danni al patrimonio forestale, al paesaggio, alla fauna e all’assetto idrogeologico del territorio comunale.
Inoltre, rappresentano un grave pericolo per la pubblica e la privata incolumità e tenuto conto delle analisi e delle informazioni sull’andamento del fenomeno incendi contenute nel piano regionale di previsione, prevenzione e lotta agli incendi boschivi, si evince, tra l’altro, che il periodo maggiormente a rischio di incendi boschivi, per il territorio comunale,
è quello compreso fra luglio e agosto.
Sempre sul versante della prevenzione incendi, si ricorda che nel marzo scorso il sindaco ha emanato una precedente ordinanza rivolta a tutti i cittadini.
Nello specifico, prevede l’obbligo per i proprietari e conduttori a qualsiasi titolo frontisti di terreni, strade, aree o spazi pubblici e comunque per tutti i proprietari di terreni incolti in genere, di provvedere ad una serie di interventi entro e non oltre il 30 giugno 2022 e successivamente di ripeterli ogni qualvolta necessario: nello specifico si tratta di tagliare la vegetazione incolta; tagliare gli arbusti, rovi, sterpaglie, materiale secco di qualsiasi natura, dalle aree, ivi compreso quelle di cantiere, limitrofe a strade pubbliche, o prospicienti spazi e aree pubbliche; pulire i terreni incolti mediante rimozione di ogni elemento o condizione che possa rappresentare pericolo per l’incolumità e l’igiene pubblica o che possa essere veicolo o accrescere il pericolo di incendio.