Nel fine settimana che ci porta a Ferragosto, “In mezzo scorre il Fiume – Percorsi tra musica e natura”, il festival con la direzione artistica di Luisa Cottifogli, porta la musica tra pievi e borghi.

Armonici cantori Solandri

Sabato 13 agosto nell’alta Valle del Santerno, nell’antico borgo di Pieve di Camaggiore (Firenzuola), direttamente dal Trentino approdano gli “Armonici cantori Solandri” (Fausto Ceschi, Gianni Penasa, Danilo Bertolini, Roberto Dell’Eva), un quartetto alpino di voci maschili che propone un repertorio a cappella. Il primo appuntamento, alle 15.30, li vede impegnati nella Messa cantata, all’interno della Pieve. A seguire alle 17 nel borgo adiacente il quartetto si esibisce in un repertorio popolare fatto di tradizionali canti di montagna, di guerra e di miniera: un repertorio quest’ultimo nato in val di Sole all’inizio del ‘900, quando furono costruite numerose centrali idroelettriche e negli scavi di gallerie furono impiegati tantissimi abitanti del luogo in condizioni di lavoro estreme.

Completano il pomeriggio, le narrazioni storiche a cura di Claudio Penazzi. L’evento è in collaborazione con Banco Fiorentino e Casa Vacanze di Pieve di Camaggiore.

Domenica 14 agosto gli “Armonici cantori Solandri” concedono il bis e sono i protagonisti di un’alba magica fra gessi e voci. Si parte alle 5.30 dal campo sportivo di Borgo Rivola in direzione di Borgo Crivellari, un gioiello di gesso nascosto all’interno del parco della Vena del Gesso romagnola, accompagnati da Francesco Rivola, guida storica ed escursionistica, conoscitore profondo del territorio e delle sue storie, scrittore e narratore. Ispirandosi alle cave di gesso, il quartetto trentino si esibisce in un repertorio di canti di minatori, oltre a quello tradizionale di montagna e a quello dedicato all’epopea della prima guerra mondiale.

Francesco Rivola

Evento in collaborazione con il Comune di Riolo Terme, con Luciano Visani, autore della ristrutturazione di una parte dell’antico borgo e Francesco Rivola.

Alle 17 trasferimento a Monghidoro per la festa di Santa Maria Assunta. Nella chiesa di Santa Maria Assunta il repertorio sacro e popolare del Trentino degli “Armonici cantori Solandri” incrocia il repertorio prezioso di canti raccolti dalla tradizione emiliana, in particolare monghidorese, e da quella regionale italiana della Corale Scaricalasino di Monghidoro in un interessante incontro fra culture. L’evento è in collaborazione con il gruppo e con il Coro Scaricalasino.

De Soda Sister

Lunedì 15 le voci di donne sono le protagoniste del ferragosto a Sassoleone (ore 21 al campo sportivo) con il concerto delle fantastiche “De Soda Sisters”, trio popolare Agrifolk che si esibisce in vecchie canzoni di lotta e d’amore, stornelli, filastrocche rivoltose e anarchiche durante la tradizionale festa del Ritorno. Per chi lo desidera, cena campestre di Ferragosto, presso il campo sportivo. Evento in collaborazione con Proloco Sassoleone.

Gli Armonici cantori Solandri

Quartetto vocale Trentino proveniente dalla Val di Sole composto da Fausto Ceschi, Gianni Penasa, Danilo Bertolini, Roberto Dell’Eva. La formazione è nata una quindicina di anni fa grazie a quattro cantori legati da profonda amicizia, i quali già dal 1990 hanno condiviso la passione per il canto all’interno del Coro S. Lucia di Magras, diretto da Fausto Ceschi, con il quale hanno svolto varie tournée in Italia, Germania, Francia. I cantori sono i depositari della musica sacra della Val di Sole e della Val di Non, avendo raccolto negli anni un repertorio sacro di migliaia di antichi brani tradizionali e moltissimi appartenenti al “Cecilianesimo”: un repertorio che fino agli anni ’60 fu capillarmente eseguito in Trentino, ma che il Concilio Vaticano secondo volle far sparire. Fortunatamente il coro ha trovato, studiato e riproposto questi bellissimi canti ed ha creato un catalogo informatico che raccoglie più di tremila brani.

Gli Armonici Cantori Solandri eseguono anche i canti della tradizione popolare trentina, una musica semplice ma diretta al cuore, unita a parole profonde, che è un vero e proprio arsenale identitario per ciò che è diventato un mito: quello degli Alpini che seppero “musicare” l’eredità di chi visse, soffrì e perse la vita durante la Grande Guerra.

Armonici cantori Solandri

Oltre ai tradizionali canti di montagna vi sono i canti di miniera, un repertorio nato in val di Sole all’inizio del 900 quando furono costruite numerose centrali idroelettriche e negli scavi di gallerie furono impiegati tantissimi abitanti del luogo in condizioni di lavoro estreme.

Il quartetto ha portato la propria arte e la propria tradizione in vari importanti festival italiani quali Ravenna Festival, Sentieri Acustici (Pistoia), Trento Film Festival. Hanno scritto di loro: “per gli appassionati della musica e del canto a cappella, ascoltare quattro cantori che si sostituiscono al coro di una trentina di elementi, crea delle armoniose emozioni”… e gli Armonici veramente si emozionano cantando, per questo ascoltarli è una gioia contagiosa!

In mezzo scorre il Fiume, percorsi fra musica e natura è il festival diretto da Luisa Cottifogli che vuole creare uno stretto dialogo tra musica, arte e natura in luoghi splendidi dell’Appennino tosco-romagnolo, fino a scendere in pianura, trasportati dalla corrente dei fiumi. La terza edizione propone 25 appuntamenti tra Emilia, Romagna e Toscana dal 20 giugno al 4 settembre 2022, fra Valsellustra, valli del Sillaro e del Santerno fino alla valle del Senio e con una capatina in Val Savena. Si sviluppa nei comuni di Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Casola Valsenio, Castel del Rio, Castel San Pietro Terme, Dozza, Firenzuola, Fontanelice, Monterenzio, Monghidoro, Mordano, Riolo Terme.

Tutti gli eventi sono gratuiti, tranne i workshop e le cene

In mezzo scorre il Fiume, fa parte di Bologna Estate 2022, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Territorio Turistico Bologna-Modena

Per info e prenotazioni: 351.6812880 – [email protected].

Per il programma clicca qui >>>>