Imola. Un atto vergognoso, di sfregio a un’istituzione come l’Anpi che valorizza la medaglia d’oro per attività partigiana del Comune di Imola e difende la Costituzione. Nei giorni attorno a Ferragosto, un gruppo di vandali per ora ignoti si è “divertito” a gettare, letteralmente, merda sulla sede dell’Anpi.

Di notte, davanti al portone, hanno fatto i loro sporchi bisogni probabilmente lordandosi loro stessi lasciando nella buchetta delle lettere un volantino riportante frasi e una firma deliranti. Per l’accaduto, l’Anpi ha presentato denuncia al Commissariato di Polizia.

Non è la prima volta che la sede Anpi di Imola è oggetto di atti di vandalismo. Già era accaduto nel 2021, durante il periodo di pandemia, quando, nella notte tra il 29 e il 30 dicembre, ignoti vandali avevano rubato una delle tre bandiere esposte esternamente (quella dell’Anpi, lasciando invece quella italiana e quella dell’Unione europea). Nel corso della stessa notte era stato poi sfondato il vetro di una delle bacheche della Cgil di Imola, poste esternamente alla Camera del lavoro di via Emilia, per rubare la bandiera della pace che vi era esposta.