Siamo etero – omo – bi – trans – disabili – neurodivergenti, siamo classe, con la sua irrefrenabile voglia di vita. E la vita non si compone solo di ciò che ti permette di arrivare alla fine del mese. La vita è dispiegare la tua identità. È ciò che mangi, dove vivi, l’aria che respiri, ciò che ami, chi ami, come ami. Difendiamo il lavoro non solo come mera riproduzione dei nostri bisogni economici, ma come attività umana finalizzata alla realizzazione armoniosa di ogni bisogno umano.

Lo sfruttamento è una oppressione dalle mille facce, funzionali l’una all’altra, che si alimentano e si sostengono. La massimizzazione del profitto sulla nostra pelle si avvale anche dell’esistenza di ruoli di genere, di identità e orientamento sessuale. Siamo classe e per dominarci è necessario dividerci. E per dividerci, niente è lasciato intentato.

La discriminazione sessuale e di genere ci attraversa, isolandoci. Non a caso i lavori più precari e sottopagati, le forme contrattuali più deboli, sono anche quelle più sessualizzate e razzializzate.

A questa ghettizzazione brutale, se ne aggiunge una più sottile. Il lavoro viene stereotipato sessualmente: il gay ed effemminato ben si accosta alla moda, al lavoro di cura, la lesbica ai lavori mascolini, gli uomini trans non sono nemmeno contemplati e le donne trans sono sempre sex workers da criminalizzare o stigmatizzare se non addirittura patologizzare. Che avvenga attraverso la discriminazione aperta o la ghettizzazione sottile, è sempre il corpo al servizio del lavoro. E non il contrario.

In un mondo in cui tutti siamo esposti al rischio di cadere nella disoccupazione, nella precarietà, in cui soffriamo la totale assenza di sanità, cure, tutele, chi soffre una doppia o multipla oppressione, rischia di cadere prima, rischia di cadere peggio.

Chi deve lottare quotidianamente per i propri diritti civili, contro il pregiudizio omofobico e transfobico, fatica doppiamente a lottare per salario e contratto, per i propri diritti sociali.

Al contempo i diritti civili, in presenza di discriminazioni sociali, risultano fruibili soltanto dalla parte privilegiata della società.

Siamo classe. E soffriamo dell’assenza di diritti civili ma anche della loro presenza ipocrita e parziale. Nessun diritto civile è realmente universale quando cade in un mondo diviso tra sfruttati e sfruttatori, tra precari e precarizzatori, tra ricchi sempre più ricchi e poveri sempre più poveri.

Con questa dichiarazione bandiamo ogni contrapposizione formale tra lotta per i diritti civili e quella per i diritti sociali. La lotta per i diritti civili unifica e libera la radicalità della classe. La radicalità della lotta di classe rende i diritti civili veramente universali. Non si tratta quindi di sommare due lotte, di appiccicare un tema all’altro. Si tratta di prendere atto che la lotta è una ed è intersezionale.

È per questo, per altro, per tutto.

Siamo classe e non ci nascondiamo quanto ancora bassa e insufficiente la nostra consapevolezza, quanto i “nostri” siano attraversati da ogni forma di arretratezza omofobico e sessista.

Ma a maggior ragione, questo percorso di convergenza deve cominciare, senza timidezze e paure.

L’oppressione per genere e orientamento sessuale è sicuramente più antica del capitalismo, e così anche la discriminazione verso la disabilità fisica o la neurodivergenza. E in teoria, superficialmente e nella sua versione presuntamente progressista, questo sistema rigetta tali discriminazioni. Nella pratica, il binarismo forzato e il patriarcato sono un ingranaggio fondamentale e inscindibile dell’oppressione sociale. Non solo sono utile strumento del “dividi e comanda”. Sono anche elementi imprescindibili della disciplina sociale, di una vita dove la soggettività si adatta alle forme economiche e non viceversa.

Le leggi antidiscriminazione sul luogo di lavoro in Italia sono tremendamente insufficienti, e i percorsi per attuarle sono sempre tortuosi, burocratici, avvilenti: delle corse a ostacoli spesso insormontabili e spesso anche economicamente insostenibili. Chiediamo una piena loro attuazione ed estensione. Ma questo è il minimo sindacale.

Chiediamo nuovi diritti civili, nuove leggi e nuove norme contrattuali che aderiscano alla molteplicità di bisogni e soggettività. Chiediamo formazione dentro i luoghi di lavoro, come parte integrante della salute e sicurezza sul lavoro, e dentro le stesse organizzazioni sindacali.

Chiediamo tutto ciò che è necessario perché nessuna soggettività debba più nascondersi dentro un luogo di lavoro. E proprio per questo in verità vogliamo riconquistare e conquistare diritti per tutta la classe: abolire il precariato e gli appalti, che sono le forme principe della paura e del ricatto, abrogare il jobs act e reintrodurre l’articolo 18, tutela principe contro ogni discriminazione politica, di genere, religiosa, sindacale, di opinione ecc.

Vogliamo salario e reddito adeguati, un numero congruo di ore di lavoro, i permessi necessari per malattie, ferie. Vogliamo una sanità pubblica, gratuita ed efficiente.

Oggi ribadire questi concetti è ancora più vitale. Con l’arrivo delle elezioni e lo spettro della vittoria della Meloni, il rischio è che si contrapponga all’avanzata della destra una generica difesa dei diritti civili. I diritti civili diventerebbero così il volano di un amorfo movimento democratico, slegato da questioni sociali, salariali e sistemiche.

Noi andiamo nella direzione opposta, nella totale convergenza e intersezionalità delle lotte. Ci avete affossato bocciando il Ddl Zan, tanto quanto approvando il Jobs Act. Ci avete attaccato sui diritti sociali e siete stati immobili sui diritti civili. Non avete diritto a farvi paladini né degli uni né degli altri.

E i nostri corpi non sono arruolabili nel gioco delle parti. Per quanto ci riguarda l’alternativa non è tra Governo vecchio e Governo nuovo, ma tra mondo vecchio e mondo nuovo.

Dalle lotte per la giustizia climatica e dal processo che si è attivato attorno alla Gkn, sono arrivate indicazioni e ispirazioni. Lo stato di emergenza in cui viviamo è la regola; tocca a noi far esplodere la vera l’urgenza delle nostre rivendicazioni e di un cambiamento dell’intero sistema. Insorgere per convergere, convergere per insorgere. Per cambiare i rapporti di forza, qui e ora. Non c’è ribaltamento di rapporti di forza sociale se non cambiano rapporti di forza fra generi.

Dentro questa convergenza, possiamo aspirare a combattere insieme le arretratezze interne alla nostra classe. Dentro questa convergenza, il movimento transfemminista LGBTQIA+ può coltivare l’estremo bisogno di essere sempre meno rituale, più radicale e di massa.

In un mondo che affonda nella guerra, nella crisi idrica e nello sfruttamento, chi è doppiamente oppresso affonda due volte e più rapidamente. Non sappiamo quanto tempo ci rimane.

A monte il capitalismo ci divide, a valle lo sfruttamento e l’oppressione ci accomunano.
Teniamoci liberi, teniamoci pronti per quest’autunno.
Senti il vento, fa che sia bufera. Insorgiamo? Dimmi dove.

Ci trovare qui >>>>

(#insorgiamo #stopwar #senzatregua #venderemocaralapelle #PeopleNotProfit)