A Dozza, il drago Fyrstan sta per risvegliarsi dopo un lungo sonno di quattro anni. Il 17 e 18 settembre, in occasione della Biennale FantastikA che prende il titolo di “Il tesoro del drago”, la creatura aprirà gli occhi per la gioia di grandi e piccini.

Dopo il grande successo dell’edizione del 2018, che ha attirato nel borgo migliaia di visitatori, e la “virtual edition” del 2021 imposta dalla pandemia, il 2022 è senza dubbio l’anno della rinascita. FantastikA, che si presenta finalmente in versione ‘estesa’ con le proprie attività diffuse in tutto l’abitato medievale, sarà visitabile attraverso l’acquisto di un braccialetto con validità giornaliera (intero 8 euro, ridotto 4 euro per ragazzi dai 10 ai 16 anni, gratuito fino a 9 anni).

Un lasciapassare che darà accesso alla Rocca Sforzesca, al Centro Studi tolkieniani ‘La Tana del Drago’ e al teatro comunale che completeranno l’offerta ludico/culturale con workshop, conferenze, artist desk, artigiani, librerie specializzate e mostre d’arte, Nel cuore del paese dei muri dipinti, invece, spazio a moltissime associazioni e artigiani che proporranno mercatini ed attività ludico/ricreative a tema fantastico.

L’ospite d’onore

L’ospite tolkieniano principale di quest’anno è Tom Shippey, professore inglese e scrittore che ha ereditato la cattedra di Tolkien ad Oxford. Sarà lui il prezioso relatore di alcune conferenze sull’immaginario fantasy e sulle energie/magie della natura che si svolgeranno nel teatro comunale il sabato e la domenica mattina. In parallelo, nella cornice scenica del piano nobile e dell’armeria della Rocca sarà allestita la mostra “Anima e spirito” con le sculture epiche e ancestrali del maestro Carlo Zoli di Faenza. L’esposizione sarà poi visitabile fino alla metà del mese di ottobre.

“La pandemia aveva fatto slittare l’edizione fisica del 2020 al 2021 con un’edizione virtuale meno inclusiva che ci ha permesso comunque di dedicare più tempo alla comunicazione e ai contenuti multimediali – commenta il direttore artistico dell’evento Ivan Cavini -. Siamo contenti di poter tornare a vederci di persona a Dozza. Ringrazio di cuore gli artisti che rispondono sempre in maniera entusiasta e propositiva. Sono loro il vero tesoro di FantastikA”.

Gli artisti

Moltissimi gli illustratori che presiederanno gli artist desk e che si esibiranno in performance live e workshop artistici all’interno della Rocca. A loro, veri creatori di immaginario del nostro tempo, verranno riservati il piano nobile della fortezza dove sarà possibile vederli all’opera e la pinacoteca dove saranno allestite le mostre “La battaglia delle innumerevoli lacrime” di Emanuele Manfredi, “Una storia fantastika” di Andrea Romoli, “L’Arte dei Tempi Antichi” di Luca Trentin, Giovanni Calore e Cristiano Marchesi, “Piccoli mostri” di Betty Haik, “All-Maudra: le Figlie della Terra” di Celeste Ratazzi.

Quest’anno i numeri di FantastikA confermano, se ancore ce ne fosse bisogno, che la Biennale d’illustrazione di Dozza è divenuta ormai la più importante rassegna dedicata all’illustrazione ‘young adult’ e all’immaginario fantastico. Centinaia le persone coinvolte con la presenza permanente, come moderatore, del direttore di Lucca Comics and Games Emanuele Vietina. Per non parlare delle mostre e delle performance artistiche di illustratori e professionisti del settore che lavorano nel mondo del cinema, dell’editoria e dei videogames come: Andrea Romoli, Dany Orizio, Paolo Barbieri, Alberto Dal Lago, Maria Distefano, Emanuele Manfredi, Andrea Piparo, Laura Pauselli, Davide Romanini, Stefano Moroni, Antonello Venditti, Mirti, Piero Ruggeri, Laura Di Paoli, Luca Trentin Giovanni Calore, Cristiano Marchesi, Paola Cappelli, Celeste Ratazzi e Matteo Marcucci.

Il programma

La Biennale si aprirà con “FantastikA Night Talk” in agenda per la serata di venerdì 16, a cui parteciperanno autorità ed istituzioni tra le quali il sindaco di Dozza Luca Albertazzi, la presidente della Fondazione Dozza Città d’Arte Simonetta Mingazzini, Emanuele Vietina direttore di “Lucca Comics and Games”, Ivan Cavini direttore artistico di FantastikA e Roberto Arduini direttore del Centro studi Tolkieniani di Dozza con la consegna dell’ambito riconoscimento “Il Drago d’oro” a Tom Shippey, Carlo Zoli, Alberto Dal Lago, Dany Orizio e Andrea Romoli.

Sabato 17 settembre la manifestazione aprirà i battenti alle 10 e gli spettatori potranno assistere ad incontri e conferenze curate da artisti e studiosi dell’Associazione italiana Studi Tolkieniani. Tra queste “Mitologia e Fantasia” con Paolo Barbieri ed Emanuele Vietina, “La nuova traduzione de Le Cronache di Narnia” con Edoardo Rialti e Stefano Giorgianni, ma anche “Cosa fanno i draghi d’inverno?” a cura della dragologa Andrea D’Amato e “La voce degli Ent, tra scienza e fantasy” con Antonio Brunori, segretario generale Pefc Italia che farà vedere i risultati di uno straordinario esperimento sui suoni che provengono dagli alberi.

La sera, dalle ore 20.30, spettacolo di artigianato in piazza della Rocca “Il Risveglio del drago” con la cottura a forno di un drago in terracotta dello Studio ceramico Giusti e parata più esibizione dei tamburi e delle chiarine del Rione Rosso di Faenza. Contemporaneamente negli altri luoghi del borgo, come il Centro studi “La Tana del Drago” e il teatro comunale ci saranno moltissime iniziative e panel tra cui l’incontro “Theology in Fantasy” con Tom Shippey e Claudio A. Testi e la traduzione di Barbara Sanguineti, la presentazione de “Il Fabbro di Oxford” di Wu Ming 4 e l’anteprima del libro “Re Artù, Ginevra e Tolkien” con Roberto Arduini e Cecilia Barella.

L’ultimo giorno, domenica 18 settembre, sarà possibile ancora incontrare l’ospite speciale Tom Shippey con la sua ultima conferenza dal titolo “Treasures and Dragons in Modern Fantasy” introdotta da Wu Ming 4.

Workshop e mostre

FantastikA esplora il fantastico in tutte le sue sfaccettature con particolare attenzione a Tolkien e al genere fantasy. Per questo motive spazio anche ad un focus sui due grandi eventi mediatici dell’anno: “House of the Dragon” e “The Rings of Power” con l’esperto Pierluigi Cuccitto.

All’interno della Rocca, inoltre, ci saranno alcuni workshop. Riflettori puntati su quello dell’illustratore Alberto Dal Lago “The Viewer’s Eye”, sulle tecniche di realizzazione di un’illustrazione di copertina, e quello di Dany Orizio sui mostri.

Al Centro studi, invece, sarà possibile vedere la mostra “Gli acquerelli Ritrovati” di Maria Distefano e ammirare i nuovi diorami che Matteo Marcucci ha realizzato appositamente per “La Tana del Drago”’ di Dozza e partecipare all’incontro su “Il Cammino dell’Anello”, nuova iniziativa del Centro studi “La Tana del Drago” in collaborazione con Trip by Mitch.

Fantastika si allarga

Le ali del drago quest’anno copriranno anche due comuni limitrofi. Tante, infatti, le attività correlate organizzate dai municipi di Medicina e Castel Guelfo.

La tematica di FantastikA 2022 che pone la sua attenzione all’ambiente ben si coniuga con quello che è l’Oasi del Quadrone medicinese, area protetta a salvaguardia di un ecosistema molto delicato. Il 24 e 25 settembre saranno organizzati laboratori per i bambini e la passeggiata notturna con le storie. Tra gli ospiti anche Francesco Rivola e Veronica Chiarini per un ideale gemellaggio tra le tradizioni folkloriche delle zone collinari e quelle della bassa pianura. Via libera anche ad un workshop di disegno, due mostre pittoriche e l’incontro con una figura che ha trasformato la sua passione per i giochi da tavolo fantasy in un’azienda. Conclusione con uno spettacolo che omaggia il potere imperituro del drago (info e prenotazioni a [email protected] oppure 333.2035335).

A Castel Guelfo, invece, tutto è pronto per “Fantastika Castel Guelfo. Mostra, laboratori e incontri a tema” dall’8 ottobre al 6 novembre impreziosirà l’intrattenimento del paese. Riflettori puntati su Palazzo Malvezzi Hercolani, sede del municipio, per l’esposizione tematica mentre i laboratori si divideranno tra la stessa location e la vicina biblioteca che sarà anche punto informativo (0542.53460).

La Biennale d’illustrazione FantastikA è organizzata dalla Fondazione Dozza Città d’Arte, con la preziosa collaborazione dell’Associazione italiana Studi Tolkieniani (Aist), il patrocinio del Comune di Dozza, Destination is Bologna, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna, Città Metropolitana di Bologna.

Il Centro Studi – La Tana del Drago, Lucca Comics & Games, il Comune di Medicina e il Comune di Castel Guelfo sono partner della Biennale.

Per informazioni: tel. 0542.678240 – [email protected] (Museo della Rocca di Dozza) – 380.1234309 – [email protected] (Uit – Ufficio informazione turistica di Dozza) – www.fondazionedozza.it