Imola. Le demenze rappresentano la quarta causa di morte nella popolazione anziana con oltre 65 anni nei Paesi Occidentali, con una crescita costante dovuta al progressivo allungamento della speranza di vita. Esse rappresentano un esempio eclatante della modificazione dei bisogni socio sanitari della nostra società, che oggi si spostano sempre più sulla cronicità e richiedono una revisione complessiva dell’assetto delle cure, una ridefinizione degli obiettivi e degli strumenti per valutare gli interventi nel momento in cui la guarigione non rappresenta più un esito possibile. Il deterioramento cognitivo cronico, infatti, non è guaribile, ma è possibile prendersi cura al meglio dei malati formandosi ed informandosi.

Nel nostro territorio, la presa in carico delle persone con deterioramento cognitivo, e quindi anche con malattia di Alzheimer, vede una forte integrazione tra l’Azienda Usl di Imola ed in particolare il Centro disturbi cognitivi, l’Asp Circondario Imolese, l’Associazione Alzheimer Imola, la Fondazione Cassa di Risparmio e le Amministrazioni locali.

A settembre, mese dedicato a livello mondiale alla sensibilizzazione sulla Malattia di Alzheimer, sono due in particolare le iniziative di rilievo rivolte alle famiglie che si prendono cura di un malato con deterioramento cognitivo, agli operatori sanitari, sociosanitari e sociali e a tutti i cittadini che vogliono conoscere di più su quella che viene definita l’”epidemia silenziosa del nostro secolo”

Ciclo di incontri dedicato ai famigliari e ai cittadini

A partire da giovedì 15 settembre prenderà il via un ciclo di incontri dal titolo “Come prendersi cura delle persone con deterioramento cognitivo”, dedicato ai famigliari, ai caregivers e ai cittadini interessati ed organizzato dall’Azienda Usl di Imola in collaborazione con l’associazione Alzheimer Imola e l’Asp Circondario Imolese.

Prendersi cura di una persona con disturbo di memoria e deterioramento cognitivo spesso può essere reso difficile dalla mancanza di strumenti e di informazioni utili ad affrontare positivamente e produttivamente i problemi quotidiani. Questo, oltre a provocare difficoltà nell’assistenza della persona anziana con deterioramento, può indurre a sentimenti di sconforto e ad un forte senso di abbandono nel familiare che presta le cure. Per far fronte a questa situazione è utile acquisire conoscenze, strategie, tecniche pratiche e informazioni sulla rete dei servizi del territorio.

Il Percorso è strutturato in 5 incontri di gruppo, della durata di due ore ciascuno, che si terranno presso le aule del Polo Formativo (15/09, 22/09 e 6/10) e l’aula Zardi (29/09 e 13/10) dell’Ausl di Imola (piazzale G. dalle Bande Nere 11, Imola) ed è tenuto dai professionisti che lavorano o collaborano con il Centro Disturbi Cognitivi dell’Ausl di Imola, servizio di riferimento per le persone con demenza nel territorio imolese.

Il calendario

Giovedì 15 settembre (ore 16 – 18): Cos’è il deterioramento cognitivo.

Giovedì 22 settembre (ore 16 – 18): Aspetti cognitivi e comportamentali del deterioramento. Valutazione e riabilitazione

Giovedì 29 settembre (ore 16 – 18): I disturbi del comportamento e gli interventi a domicilio

Giovedì 6 ottobre (ore 16 – 18): La rete dei servizi per gli anziani nel territorio.

Giovedì 13 ottobre (ore 16 – 18): L’Associazione Alzheimer e Casa Alzheimer, per non essere soli

Iscrizioni: Per iscriversi bisogna compilare la scheda e consegnarla al settore di Psicologia ospedaliera, Polo sanitario territoriale di Imola, viale Amendola 8 Imola, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 14 oppure inviarla via fax al numero 0542 604070 o e-mail: [email protected]

La giornata mondiale dell’Alzheimer

In occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer (21 settembre), nel pomeriggio di martedì 20 settembre, alla Sala Grande di Palazzo Sersanti (piazza Matteotti 8) si terrà il convegno, accreditato per le professioni sanitarie e sociali, ma aperto anche a tutti i cittadini, dal titolo: “La riorganizzazione dei modelli assistenziali e dei servizi socio-sanitari nella presa in carico della persona con disturbi cognitivi e della sua famiglia”. Il convegno è gratuito con iscrizione è obbligatoria entro il 18 settembre.

Ricchissimo di interventi da parte dei professionisti dell’Ausl di Imola, dell’associazione Alzheimer Imola e dell’ASP Circondario Imolese che, in modo integrato, lavorano con i malati e le famiglie sul territorio.

Il convegno si aprirà con il saluto delle autorità: il Presidente del Circondario e Sindaco di Imola Marco Panieri; Rodolfo Ortolani, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, che storicamente contribuisce alle attività in favore di questi malati e delle loro famiglie, Lucia Valtancoli, Presidentessa di Associazione Alzheimer Imola e Massimo Menetti, direttore della Geriatria ospedaliera e territoriale e del Centro Disturbi Cognitivi dell’Ausl di Imola.

Seguiranno gli interventi di tutte le figure professionali (sanitarie, sociosanitarie e sociali) che intervengono nel percorso di presa in carico della persona con demenza e di supporto alla famiglia.

Ospiti di eccezione del pomeriggio formativo ed informativo: il Segretario generale di Federazione Alzheimer Italia Mario Possenti, che illustrerà il percorso di comunità necessario per diventare una città amica delle persone con demenza e Andrea Fabbo, o Referente progetto Demenze Servizio Ass.Terr. Regione Emilia-Romagna che illustrerà il modello emiliano-romagnolo di presa in carico della malattia.