Castel San Pietro Terme (Bo). Uno squacquerone senza lattosio, il Caseificio Comellini ha certificato con il marchio Lfree la variante azzurra lactose-free del suo Squacquerone, unendo la qualità e l’artigianalità del prodotto alla sicurezza del percorso di certificazione. Lfree, infatti, è l’unica certificazione italiana, europea ed internazionale che garantisce i prodotti senza lattosio.

I prodotti di Comellini senza lattosio

Lo Squacquerone senza lattosio da 280g, prodotto di punta del Caseificio Comellini, ha ottenuto il marchio Lfree azzurro Lactose-Free, con un contenuto residuo <0,01%. Celebre per la sua “scioglievole” cremosità, lo Squacquerone è realizzato con latte fresco 100% italiano, grazie all’utilizzo di fermenti lattici autoctoni sviluppati internamente al caseificio.

L’iter di certificazione con il Marchio Lfree ha comportato le verifiche documentali, la visita ispettiva da parte dell’Ente di certificazione accreditato CCPB e le prove analitiche eseguite sul prodotto finito. Tutto questo processo ha quindi confermato l’assenza di lattosio ben al di sotto del limite ministeriale, arrivando ad un contenuto residuo inferiore a 0,01%.

I prodotti del Caseificio Comellini sono reperibili nei migliori supermercati e sono prodotti da latte italiano. Le materie prime sono acquistate in filiera controllata, seguendo una lunga e rigorosa tradizione artigiana.

La certificazione sarà estesa nei prossimi mesi anche ad altre referenze di Caseificio Comellini, idonee alla dieta senza lattosio.

“La certificazione Lfree premia la sfida intrapresa quando abbiamo investito e scommesso sulla nuova linea di formaggi delattosati – ha dichiarato Luca Comellini, amministratore delegato di Caseificio Comellini SpA -: prodotti che mantengono intatti i sapori e gli aromi dei formaggi tradizionali andando incontro alle esigenze alimentari di chi è intollerante o vegetariano ma non vuole rinunciare al piacere del buon formaggio”.

La linea senza lattosio di Caseificio Comellini è innovazione nel rispetto della tradizione casearia emiliano-romagnola. Formaggi ottenuti dalla lavorazione del latte proveniente per lo più da piccoli allevamenti della zona di Castel San Pietro Terme, delattosati in caldaia e coagulati grazie all’utilizzo del caglio vegetale estratto dal cardo selvatico.

Oltre allo Squaquerone, fanno parte della gamma dei delattosati anche: Stracchino, Casatella e Formaggio di Castel San Pietro.

Caseificio Comellini

Con un fatturato di 11 milioni di euro nel 2021 il Caseificio Comellini si colloca come una realtà emergente, con una produzione concentrata sui formaggi freschi, come la Casatella, lo Stracchino degli Angeli, il Formaggio di Castel San Pietro e la Mousse di Latte.

Insieme alla recente introduzione di una speciale linea senza lattosio (<0,01%) realizzata con caglio vegetale, l’azienda arriva ad oltre 29 referenze diverse per formato e tipologia di prodotto, sia a libero servizio sia per il banco gastronomia.

Il focus della produzione casearia rimane però lo Squacquerone di Romagna DOP, di cui il Caseificio Comellini è storico produttore, oltre che uno tra i promotori delle iniziative che hanno condotto all’adozione del disciplinare di produzione portato a compimento nel 2012.

La gamma di formaggi freschi viene realizzata interamente da latte italiano, con il 77% della materia prima acquistata in Emilia-Romagna. Fortemente radicato nel territorio, questo player opera in filiera controllata con l’applicazione di rigorose procedure operative, controlli e analisi di laboratorio costanti, garantendo formaggi con elevati standard organolettici ed igienico-sanitari, grazie anche alla certificazione IFS higher level.