Castel San Pietro Terme (Bo). E’ stato inaugurato lo scorso 10 settembre il nuovo percorso inclusivo del Giardino degli Angeli, in via Remo Tosi, nell’ambito delle iniziative del Settembre Castellano. Il progetto è stato realizzato grazie ai fondi ottenuti con la partecipazione alla decima edizione de “I Luoghi del Cuore”, promosso dal FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano, in collaborazione con Intesa Sanpaolo.

Un momento dell’inaugurazione (Foto Fabio Avoni)

Durante la festa i volontari de “Il Giardino degli Angeli ODV” hanno mostrato ai visitatori il funzionamento delle tecnologie installate all’interno del Giardino.

“Siamo davvero felici di questa inaugurazione, che conclude un lungo percorso idealmente iniziato il 26 febbraio 2021 con l’annuncio che il Giardino degli Angeli era risultato tra i vincitori del decimo censimento de ‘I Luoghi del Cuore’ del Fai – ha commentato Antonella Turrini, presidente dell’associazione che ha realizzato e cura il parco castellano -. In quei giorni il sogno di ‘aprire’ i luoghi del parco a tutti ha cominciato a prendere forma e da oggi tutti i visitatori potranno godere dei frutti del lavoro che ci ha visti impegnati fin dall’inizio di quest’anno, con la registrazione delle voci, la costruzione dei nuovi pannelli inclusivi e con il montaggio e l’installazione delle tecnologie necessarie”.

“Il Giardino degli Angeli è un luogo pensato fin dal primo giorno senza barriere architettoniche – ha concluso Antonella Turrini -, e, grazie a tutti coloro che lo hanno votato per ‘I Luoghi del Cuore” e al contributo del Fai e di Intesa Sanpaolo, il percorso naturalistico al suo interno e le ambientazioni per noi così cariche di significato, sono finalmente fruibili da tutti in ogni momento, anche quando non ci sono volontari presenti a fare da guida”.

“Oggi festeggiamo il traguardo raggiunto dal Giardino degli Angeli con un abbraccio che è di tutti gli iscritti e volontari Fai del territorio – ha detto Pietro Acri, capo delegazione Fai di Bologna -. Il percorso inclusivo che l’associazione ha creato in questo parco, così pieno di colori e di emozioni, davvero realizza lo scopo dei ‘Luoghi del Cuore’, quello cioè di valorizzare con progetti concreti ambientazioni cariche di significato. Questo grande risultato si è potuto realizzare soprattutto grazie al coinvolgimento di tutta la comunità e delle istituzioni, in primo luogo il Comune di Castel San Pietro, rendendo ancor più fruibile e godibile il bene ‘adottato’. Oggi questo bellissimo giardino è ancora di più aperto a tutti e noi siamo davvero contenti di ciò”.

Il progetto “Il Giardino per tutti”

Molti sono gli interventi realizzati grazie al contributo del valore di 9.000 euro, offerto dal Fondo per l’Ambiente Italiano e da Intesa Sanpaolo, e progettati con la collaborazione dell’Istituto dei Ciechi “Francesco Cavazza” di Bologna, ammirati e provati durante l’evento di inaugurazione del percorso inclusivo, e che sono ora a disposizione di tutti i visitatori del Giardino.

Fai (Foto Fabio Avoni)

Il primo riguarda l’ingresso al parco, in cui è stata montata una mappa tattile, provvista di beacon (piccoli trasmettitori a bassa frequenza che permettono di interagire con le persone, quando esse sono in prossimità dei dispositivi, sfruttando la tecnologia Bluetooth Low Energy, ndr), QR code e NFC (una tecnologia ricetrasmittente a corto raggio che permette una connettività senza fili a distanza, ndr), grazie ai quali i visitatori possono ascoltare la storia del Giardino raccontata da Sara e dal suo papà (a donare loro le voci un attore professionista, Alfonso Cuccurullo, e una giovane studentessa di Castel San Pietro, Michelle Lamieri).

Il percorso all’interno del parco viene poi caratterizzato da quattro mappe tattili, nelle ambientazioni della “Campagna”, del “Giardino segreto”, della “Montagna” e del “Bosco”, in cui sono installati beacon, QR code e NFC. Anche qui le voci narranti raccontano le curiosità e i simbolismi presenti in questi angoli del giardino.

All’interno del Giardino degli Angeli sono inoltre presenti nove postazioni fisse dotate di QR code e NFC, che consentono di attivare un contributo audio in cui vengono illustrate le piante e gli alberi del Giardino, con una descrizione ricca di curiosità.

Infine circa cinquanta farfalle “parlanti” realizzate in alluminio, ciascuna posizionata accanto a una pianta e, grazie a un QR code di collegamento a un’app mobile “Pharo Guide” (disponibile sull’Apple store e su Google Play store) e al sito del Giardino, gli appassionati di botanica possono leggere le relative schede, o ascoltarle dalle voci prestate da alcuni noti cittadini di Castel San Pietro Terme.

Il Giardino degli Angeli

Il Giardino degli Angeli di Castel San Pietro Terme (Bologna) è un parco urbano, ricco di fiori e piante, realizzato in memoria di Sara, scomparsa nel 2006, all’età di 14 anni, a causa di una malattia metabolica congenita, è oggi dedicato a tutti i bambini che ci hanno lasciato. Accessibile liberamente e gratuitamente, è anche sede di tante iniziative ludiche e culturali che hanno lo scopo di sostenere progetti riguardanti le malattie pediatriche più gravi e/o rare e di sensibilizzare le persone su questi temi.

Nel 2020 il Giardino raccolse ben 6.815 voti grazie alla passione e all’amore del Comitato “Gli Amici del Giardino degli Angeli” che scelse di candidarlo alla decima edizione de “I Luoghi del Cuore”, censimento dei luoghi italiani da non dimenticare promosso dal Fai – Fondo per l’Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo, per farlo conoscere a sempre più persone.