Imola. Un appello, molto somigliante, a votare Pd alle elezioni politiche del 25 setttembre è stato il momento di confronto e di dialogo della lista “Imola Corre – Panieri Sindaco” il 20 settembre presso l’azienda agricola “Marocchi” a Sesto Imolese, una realtà produttiva agricola situata in una frazione che in questi anni è cresciuta e si è innovata trovando nelle difficoltà nuove opportunità per rilanciarsi, grazie anche a una solidità familiare nel passaggio fra generazioni molto importante.
Erano presenti il sindaco Marco Panieri, l’assessora all’Autodromo, al Turismo e ai Grandi Eventi Elena Penazzi, il capogruppo di Imola Corre in consiglio comunale e consigliere delegato alle frazioni Alan Manara e il consigliere comunale delegato alle attività rivolte ai giovani Antonio Ussia. Insieme a loro, un’ottantina di persone, con la quale negli interventi hanno condiviso le attività intraprese e i risultati raggiunti in questi due anni nell’amministrazione della Città.
A introdurre la discussione è stato Marco Panieri, che ha ripercorso insieme ai presenti l’avventura di Imola Corre: “Abbiamo davanti sono tante situazione, la realtà continua a presentarsi sempre molto complessa (prima con la pandemia, oggi con la crisi energetica), ma c’è una città che sta rispondendo con resilienza e forza al nuovo corso che si è avviato: grandi eventi, investimenti, sblocco dei cantieri, iniziative per i giovani, sostenibilità e rigenerazione di tante zone. Oggi abbiamo messo in cantiere importanti progetti, a partire dall’Osservanza (ma non solo, anche il viale Andrea Costa, la piazza della stazione, i comparti ERP, l’illuminazione pubblica…) che cambieranno il volto della città. L’impegno dei prossimi mesi è investire maggiormente in un percorso strutturato e diffuso di partecipazione”.
A seguire, il consigliere Ussia ha ricordato alcune proposte del Gruppo Consigliare raccontando soprattutto l’avvenuta riapertura di Ca’ Vaina che era stata promessa nel 2020, e sull’inclusione, con le iniziative per la sicurezza stradale dei ciclisti e per il contrasto al cyberbullismo e al bodyshaming”.

Elena Penazzi, Marco Panieri, Alan Manara e Antonio Ussia


Il capogruppo Manara ha sottolineato l’impegno del Gruppo Consigliare in tutte le sessioni legate al Bilancio e al DUP in cui ha supportato l’Amministrazione portando in evidenza la
rigenerazione dei comparti dell’Edilizia Residenziale Pubblica (ERP) con il bando “Sicuro, Verde e Sociale” legato al PNRR e il rifacimento della rete stradale, delle piste ciclabili e la
valorizzazione della mobilità dolce per favorire la sostenibilità. Ma anche una lotta feroce contro i comportamenti scorretti legati a questi temi, come l’abbandono dei rifiuti, per il quale
grazie all’impegno di Imola Corre, il Comune ha predisposto l’arrivo di dieci fototrappole mobili insieme a loro”,

Anche l’assessora Penazzi ha illustrato “l’impegno dell’Amministrazione per l’autodromo e tutte le attività connesse ai grandi eventi, alla semplificazione e alla sostenibilità, in particolare su “Imola Living Lab”  Tante cose si vedono chiaramente, dal ritorno della Formula 1 e dei concerti, ma anche di altre competizioni come DTM e 4Hours Le Mans, una città più viva e che è resa partecipe degli eventi. Abbiamo finalmente una struttura del circuito polifunzionale, dinamica e aperta la città: gli imolesi sono tornati a sentire l’autodromo loro e lo step successivo su cui siamo già al lavoro è quello di portarci le giovani generazioni. Proprio in questi giorni l’evento Volley S3 con la Federazione Pallavolo e si proseguirà con Go Smart Go Green sui veicoli elettrici”.
Nell’occasione Imola Corre ha voluto approfondire anche prospettive e idee anche sulla situazione nazionale del Paese, il quale sta attraversando una fase particolarmente delicata e
complessa con le imminenti elezioni politiche del 25 settembre che segneranno uno snodo fondamentale per i prossimi anni. Lo si è fatto con la partecipazione del senatore del Pd e ex sindaco Daniele Manca, che ha portato la sua esperienza nelle Istituzioni nazionali e lanciato qualche spunto di riflessione partendo dal suo legame con il territorio. La comunità di Imola Corre si è ritrovata sull’importanza di avere un governo nazionale autorevole, credibile, che instauri un dialogo maturo con l’Europa, che completi il PNRR, che non insegua politiche economiche assistenziali o populiste, che intervenga rapidamente sull’emergenza energetica (in primis per sostenere
famiglie e imprese) e che sappia avviare un processo vero e credibile di transizione ecologica”.