Faenza. “Dalla terra al cielo: terremoti, vulcani e nuvole” è il titolo della mostra organizzata dall’associazione Casa Bendandi e patrocinata dal Comune di Faenza, visitabile dall’8 al 22 ottobre presso il Palazzo delle Esposizioni di Faenza.

L’esposizione è divista in 3 sezioni, terremoti, vulcani e nuvole. Nella sezione terremoti alcuni filmati e animazioni tratteranno i temi della pericolosità e del rischio sismico.

In quest’ambito, sabato 15 ottobre alle 18 è prevista una dimostrazione attraverso una tavola vibrante didattica della Resism, realizzata da Giovanni Manieri, che avvicinerà il pubblico al comportamento sismico. L’esperienza verrà ripetuta martedì 18 di mattina per le scolaresche.

Una conferenza dell’architetto Paolo Rava, in programma giovedì 13 ottobre alle 21, completerà il quadro parlando di sicurezza sismica nelle ristrutturazioni edilizie. Il tema della microzonazione sismica e del come convivere in sicurezza con il terremoto, mercoledì 12 ottobre, alle 21, sarà affrontato invece da Dario Albarello dell’Università di Siena.

Per la sezione vulcani uno spazio importante e documentato dalle foto del vulcanologo Maurice Krafft sarà dedicato alla vita dei coniugi Maurice e Katia Krafft e del loro progetto ‘Vulcania’. Particolare attenzione alla situazione italiana sul fronte dei vulcani sarà evidenziata nella conferenza, di lunedì 10 ottobre, alle 21, di Giovanni Macedonio dell’Istituto nazionale di geologia e vulcanologia Vesuviano.

Per le iniziative della sezione nuvole, due conferenze: sabato 22 ottobre, alle 18, con Teodoro Georgiadis del Cnr e giovedì 20 ottobre (ore 20.30) con Pierluigi Randi, di Ampro, l’associazione meteo professionisti. Tra gli appuntamenti anche una sezione dedicata allo spazio profondo con la sezione dedicata al ‘James Webb Space Telescope’ e alla nuova missione ‘Artemis 1’ di preparazione per riportare l’uomo sulla Luna.

Nel vasto programma messo a punto dalla Bendandiana non mancherà un momento – previsto per domenica 9 ottobre, dalle 10 alle 12, dedicato ai più giovani. Grazie alla collaborazione con Roberta Savolini saranno in esposizione anche cartoline dal mondo (Mail art) e le opere per ‘Un sasso per la scienza’, molte delle quali realizzate dagli studenti della scuola media Raffaele Bendandi di Faenza. In questa parte della mostra verranno inserite opere di artisti – locali e non – per rafforzare la sintonia nel binomio tra scienza e arte.  L’esposizione sarà visitabile sino a sabato 22 ottobre nei seguenti orari: dalle 16 alle 19, domeniche escluse. Le mattine, lunedì esclusi, solo per scolaresche e gruppi, in orari da concordare.

(a. m.)