Imola. “La tua salute in buone acque e in buone mani” è il titolo dell’iniziativa che si svolgerà mercoledì 12 ottobre, ore 14.30, al Centro sociale “La Stalla”, via Serraglio 20/b a Imola. Parteciperanno Stefano Iseppi (Amministratore delegato Terme di Castel San Pietro) e il dott. Mario Loffredo (Direttore sanitario Terme di Castel San Pietro).

“Con questa iniziativa il centro sociale ‘La Stalla’ riprende l’attività del progetto ‘La persona al centro’ con incontri che si terranno ogni mercoledì pomeriggio – afferma Angioletta Sartoni, responsabile promozione sociale ‘La Stalla’ -. Il progetto, da sempre, è molto attento ai temi della salute, nell’ottica di un miglioramento della qualità della vita, in particolare modo attraverso una corretta informazione. L’incontro, proposto dalla direzione delle Terme di Castel San Pietro, ha come obiettivo di informare le persone sui benefici delle cure, la possibilità di offerta, la tipologia di cure convenzionate con il Servizio sanitario nazionale. Nell’ambito della nostra missione di promozione sociale siamo pertanto lieti di ospitare questo incontro di approfondimento che desideriamo aprire a tutta la città”.

“Una bella occasione per illustrare quelle che sono le terapie per i malanni di stagione, fino ai trattamenti per affrontare casi più complessi e ricorrenti – aggiunge il dott. Mario Loffredo, direttore sanitario delle Terme di Castel San Pietro -. Siamo alla vigilia dell’inverno e iniziamo ad avere a che fare con raffreddori, riniti, sinusiti. Un ciclo di cure inalatorie fatto nel momento giusto è la migliore risposta a queste problematiche per evitare di trascinarle avanti nei mesi successivi. L’altro problema da affrontare in questo periodo sono le patologie artrosiche, i dolori osteoarticolari, muscolari, reumatici che con il freddo e l’umidità si accentuano. Le nostre acque, assieme ai fanghi, da sempre sono una risposta riconosciuta ed efficace per queste patologie, sia per la cura che per la prevenzione”.

“Cure inalatorie, sordità rinogena, riabilitazione motoria e respiratoria, idromassaggi, percorsi vascolari, fanghi e bagni, massoterapia, bagni dermatologici sono alcune delle specializzazioni di un centro termale fondato nel 1870 e che negli ultimi anni ha ha investito per innovare le tecnologie per cicli di cura naturali ed efficaci – sottolinea Stefano Iseppi, amministratore delegato delle Terme di Castel San Pietro -. Le proprietà terapeutiche delle pregiate Acque termali sulfuree e salsobromoiodiche estratte dalle antichissime sorgenti di Castel San Pietro, sono riconosciute dal Ministero della Salute. Acque vive che, attraverso un lungo percorso sotterraneo, nei secoli si sono arricchite di elementi essenziali, che le rendono indicate per la cura e la prevenzione di patologie negli adulti e nei bambini”.

Ad esse si aggiungono i Fanghi ottenuti facendo macerare in apposite vasche con acqua salsobromoiodica, l’argilla opportunamente frantumata e purificata. Dopo questo lungo processo vengono applicati alla temperatura di 48-50 °C. L’azione combinata dei minerali e del calore ha proprietà antinfiammatoria, antidolorifica, rilassante, disintossicante e rivitalizzante.