Maxi sanzioni nel settore della ristorazione nel circondario effettuate dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro (Nil) di Bologna nel corso di una serie di controlli effettuati in tutta la provincia di Bologna
Il personale del Nil di Bologna ha prima eseguito un’ispezione in un’attività di ristorazione nel Comune di Imola, sanzionando il titolare per aver impiegato quattro lavoratori “in nero” senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro impiego. Dall’accertamento sono emerse pure alcune violazioni al Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro, nel dettaglio veniva rilevate carenze nella formazione e informazione in materia di sicurezza dei lavoratori. Si è quindi emesso un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale e decise sanzioni per 11mila euro. Il legale rappresentante dell’attività commerciale potrà revocare il provvedimento di sospensione solo quando avrà provveduto ad assumere i dipendenti.

Sempre nel circondario, nel Comune di Castel San Pietro. il Nil ha sospeso un’attività di ristorazione, sanzionando il titolare per aver omesso la redazione del Documento Valutazione del Rischio e per aver impiegato i due dipendenti, intenti a svolgere le proprie mansioni lavorative in cucina, senza la prescritta idoneità alla mansione e senza aver conseguito idonea formazione sulla sicurezza.