Imola. L’Associazione Nazionale ex Deportati (Aned) comunica che il 26 novembre è venuto a mancare Franco Dall’Osso all’età di 96 anni. Franco era l’ultimo deportato politico sopravvissuto al KZ di Mauthausen.

Nella foto storica: 25 aprile 1965 nel XX anniversario della Liberazione, Franco Dall’Osso, assieme ad alcuni altri deportati, consegna al Sindaco di Imola Amedeo Ruggi l’urna contenente le ceneri prelevate dai campi di concentramento di Mauthausen e Gusen

Venne arrestato dalle Brigate Nere il 24 novembre 1944 assieme al fratello Augusto nel loro appartamento di via Mameli, a causa di una delazione, per attività partigiana. Dopo le dolorose tappe della Rocca Sforzesca di Imola (carcere mandamentale), San Giovanni in Monte (carcere di Bologna) e il Durchgangslager di Bolzano, fu inviato – con il convoglio partito l’8 gennaio 1945 – a Mauthausen, dove arrivò l’11 gennaio. Assieme a lui vi erano altri nove imolesi: il fratello Augusto, Eros Marri, Antonio Morini, Sante Noferini, Cleo Ricchi, Walter Tampieri, Vero Vannini, Vittoriano Zaccherini (che dedicò gran parte della propria vita a raccontare quel terribile sterminio agli studenti delle scuole del territorio imolese, ndr), Giorgio Zamporelli. Il campo fu liberato il 5 maggio 1945 dalle truppe americane, gli imolesi che poterono fare ritorno da questa terribile esperienza furono solo quattro.
La presidente Roberta Dall’Osso esprime la propria vicinanza alla moglie Bruna e al figlio Claudio anche a nome dell’Associazione Nazionale. La camera ardente sarà aperta martedì 29  dalle 13.30 alle 14.15. Alle 14.30 il corteo funebre partirà per la chiesa del Piratello dove verrà svolta la funzione religiosa.