Empoli. Al PalaSammontana la Virtus Imola centra l’obiettivo principale, raggiungendo il quarto posto in classifica (in coabitazione), con una prestazione a fasi alterne, ma che è determinante per il secondo successo consecutivo, dopo il trionfo nel derby contro l’A.Costa 2022. E si porta sul +8 proprio dai biancorossi e dalle ultime 5 posizioni, sul +4 da Ozzano e sul -2 da Faenza che partiva certamente tra le favorite del girone.

Gialloneri pressochè devastanti nei primi 10’ con uno spettacolare 6/7 da 3 punti [a segno Carta, Tommasini (2), Galassi, Soliani e Dalpozzo] che spezza le reni del gioco dei locali che tentano la stessa sorte, ma commettono una pioggia di errori dall’arco (4/11). Con il 25-17 alla prima pausa breve. Gli ospiti gestiscono il margine prima dell’intervallo, anche se i toscani iniziano a prendere le misure degli avversari e del canestro: all’intervallo ci si ferma sul 46-36 Imola.

Gialloneri vincenti anche a Empoli
(foto di proprietà della Virtus)

Al rientro in campo il primo passaggio a vuoto dei gialloneri che lasciano campo ai padroni di casa, usciti decisamente meglio dagli spogliatoi, infilando un pesante break di 10-2 (48-46  il risicato vantaggio imolese al 2’). Sono un 3/3 dalla linea della carità di Tommasini ed una tripla di Galassi a rilanciare i gialloneri sul 54-46 al 4’. Quindi Magagnoli, Morara e Carta mettono 12 lunghezze tra le due squadre (61-49), con il 3° quarto che si chiude sul 65-59, lasciando aperta la contesa e rimandando agli ultimi 10’ il verdetto.

I cesti iniziali di Morara e Aglio (dall’arco) riportano avanti la Virtus sul +7 (72-65) dopo 3’30” di gioco. Nel momento in cui si sarebbe potuta sciogliere, Empoli, invece, trova il coraggio di alzare il muro difensivo migliore della sua serata e, in attacco, segnano con Mazzoni (tripla) e Antonini dalla lunetta per il meritato (per il frangente di metà 4° quarto) 72-72 a meno di 4’ dalla sirena. Nel momento peggiore, quando anche le forze fisiche cominciano a segnare riserva, ci vuole l’esperienza e la classe dei veterani gialloneri per portare a casa 2 punti d’oro: Tommasini prende per mano i compagni penetrando senza ostacoli, quindi l’azione più spettacolare della partita con “tocchi di prima” e passaggi in piena velocità all’interno dell’area tra Magagnoli, Morara e Galassi che, con un sottomano incrociato, infila il nuovo +4 (76-72) a 2’30” dalla fine. I locali sparano a salve in attacco, prendendosi tiri forse un po’ troppo frettolosi e forzati: la Virtus ringrazia e scappa definitivamente piazzando il parziale decisivo 10-3 partendo dal momentaneo ed illusorio (per i toscani) pareggio sul 72-72. Negli ultimi istanti segnano Morara e Galassi ed il match si chiude sul 82-75 per la Virtus Imola che vince meritatamente sull’ostico parquet del PalaSammontana, trascinata da un’altra prestazione “deluxe” dell’Armata Giallonera che raggiunge la Toscana in numero esiguo (per limiti di posti del palazzetto) ma assolutamente determinante.

EMPOLI-VIRTUS IMOLA 75-82 (17-25, 36-46, 59-65)

Empoli: Marchioli, Sesoldi 9, Giannone, Obinna 5, Cerchiaro, Hidalgo 9, Antonini 16, Dal Maso, Mazzoni 5, Baccetti 11, Casella 20, Menichetti. All: Valentino

Virtus Imola: Galassi 14, Carta 5, Dalpozzo 3, Tommasini 19, Aglio 8, Morara 14, Magagnoli 8, Pellegrini ne, Neri ne, Soliani 3, Milovanovic 8. All: Regazzi

Arbitri: Venturini di Lucca (Lu) e Giustarini di Grosseto (Gr)